Terremoti

by

di Leonardo Zanier

L’orco

Oh se il terremoto
fosse un orco gigantesco
       diabolico selvatico
       fortissimo e malefico
capace di abbattere senza fatica
torri chiese e storia
e di ridurre in macerie
bicocche e castelli
e come in un incubo
di trasformare in strame
i paesetti dei cargnelli…

Oh se il terremoto
fosse un drago
       nascosto dimenticato
       vigoroso e fiammeggiante
che sottoterra va scavando
proprio ora
per far sprofondare
città e casali
e qua e là a suo capriccio
le case dei friulani…

Oh se il terremoto
fosse un folletto
       peloso grasso
       cieco e bigotto
che va sbatacchiando di notte
catene sui tetti
e quando gli gira
come fruste
le prende con due mani
e ti riduce in frantumi
i paesi dei terroni…

Troppo bello
se fosse così il terremoto
che allora basterebbe
di acqua santa una spruzzata
o di San Giorgio la lancia appuntita

L’orculat

Oh se il teremot
fos un orculat
ingjaulât salvan
fuarton e trist
bon di sdrumâ cença fàdias
tors glesias e storia
e di parâ in maserias
bicocas e cjescjei
e come tar un sum
ridusi in scjernum
i paisuts dai cjargnei…

Oh se il teremot
al fos un drâc
platât dismenteât
vivarôs e lùscint
che sot via al va sgàrfant
ora prescint
par fâ sprofondâ
citâts e marans
e cà e là a so caprici
las cjasas dai furlans…

Oh se il teremot
al fos un maçarot
pelôs gras
vuarp e bigot
ch’al va sdrondenant di not
cjadenas sui tets
e cuant ch’ài pèta
come scorias
las cjapa cun dôs mans
e al ti para in fruçons
i paîs dai terons…

Massa  biel
s’al fos cussì il teremot
che daloras basters
di âga santa un spargot
o di San Zorç il spiçot

* * *

L’incubo

Oh se il terremoto
fosse un incubo
l’incubo del terremoto
e delle morte
       spirito ossesso
       ceffo orrendo
che ti assale
mentre dormi
e ti lascia senza fiato
e senza voce
con l’urlo che non esce
e detto e fatto dai capelli
ti succhia ogni colore…

Troppo bello
se fosse così il terremoto
che allora basterebbe
aspettare che passi
il suo incubo
poi guardarsi in uno  specchio
e accontentarsi
parlare gratis o a pagamento
con donne amici
o mestieranti
o farsi un gran segno di croce
con acqua santa
meglio se con la mano manca
o bere in un solo sorso
un bel bicchierotto di grappa
per i capelli comperarsi
una tintura
e tirare avanti
ridendo
finché si dura
tanto l’incubo
nella casa
non produce fessura…

Il cjalcjùt

Oh se il teremot
fos un cjalcjùt
il cjalcjùt dal teremot
e da muart
spirit pesarin
ghigno strassameât
ch’al ti salta dintor
cuant ch’a tu duars
e al ti lassa cença flât
e cença vôs
cul berli ch’a nol jes
e det e fat dai cjaviei
ti supa ogni colôr…

Massa biel
s’al fos cussì il teremot
che daloras bastares
spietâ chal pâsi
il so cjalcjùt
po cjalâsi tar un spiêli
e contentâsi
tabaiâ dibant o a paiament
cun feminas amîs
o mistirants
o fâsi un grant segn di crôs
cun âga santa
inmò miei cu la man çampa
o bevi tar un flât
un biel bussul di sgnapa
pai cjaviei comprâsi
na tintura
e tirâ indevat
ridint
fint ch’a si dura
tant il cjalcjùt
ta cjasa
nol fâs sclapadura…

* * *

La crosta della terra…

Oh se il terremoto
fosse solo la crosta della terra
che si muove
   sottile increspata
   pellicina fessurata
strati che si urtano
e si spingono
fino a che schiattano
o si spaccano e frantumano
tutto quello che non resiste
ai loro scossoni…

Troppo bello
se fosse così il terremoto
che allora basterebbe
invece di aspettare
e poi contare i morti
fare case che sopportino
gli scossoni più forti
che se alla peggio
si spostano o s’inclinano
si squarciano o fessurano
non ti lasciano schiacciato
sotto il tetto o un trave
come  un passero
sotto una trappola nel prato…

Ma bello o non bello
è questo il terremoto
   e compressa rugosa
   sottile fessurata
questa è la pelle della terra…

La crosta da cjera…

Oh se il teremot
fos domo la crosta da cjera
ch’a si môf
sutila ingrispada
pieluta sclapada
strâts ch’a si sbrùntin
e si pochin
fintramai ch’a sclòpin
o si spàchin e a ti frùcin
dut ce ch’a nol resist
ai lôr scjassons…

Massa biel
s’al fos cussì il teremot
che daloras bastares
invecit di spietâ
e po contâ i muarts
fâ cjasas ch’a sopuartino
i scjassons plui fuarts
e se a la piês
a si spostin o si plein
a si sbrèghin o si sclàpin
no ti lascin sfracheât
sot il tet o un trâf
come un passer
sot na trapula tal prât…

Ma biel o no biel
‘l è chest il teremot
e tinduda ingrispada
sutila sclapada
chesta a ê la piel da cjera…

* * *

… Che se ne fotte

Basta dirlo
anche tra se e se:
“questa è la pelle della terra”
e allora gli enormi orchi
   diabolici selvatici
   fortissimi e malefici
e i draghi
   nascosti dimenticati
   vigorosi e fiammeggianti
e i folletti
   pelosi grassi
   ciechi e bigotti
& tutti i pagani demoni
streghe e coboldi
si potranno mettere in soffitta
ma senza troppo ridere
e con riguardo…

Ma per gli incubi
   spiriti ossessi
   ceffi orrendi
non basta dirlo
perché di incubi
ne abbiamo di ogni tipo
e a ogni età:
della notte durante il giorno
della notte durante la notte
del terremoto dopo il terremoto
del terremoto senza terremoto
della terra che sta ferma
della terra che si muove
della terra che ci aspetta
della terra che se ne fotte…

…Ch’a s’in fota

Basta dîlu
encja tra se e se:
"chesta a è la piel da cjera"
che daloras iu orculats
ingjaulâts salvans
fuartons e triscj
e i drâcs
platâts dismente
âts
vivarôs e luscints
e i mazarots
pelôs fuarts
vuarps e bigots
& ducj i paians marufs
aganas e guriuts
si podarà metiu sul cjast
ma cença ridi massa
e cun riguart…

Ma pai cjalcjùts
spìrits pèsarins
ghignos strassameâts
no basta dîlu
parcè che di cjalcjùts
in vin di ogni sorta
e a ogni etât:
da not via pal dì
da not via pa not
dal teremot dopo il teremot
dal teremot cença teremot
da cjera ch’a sta ferma
da cjera ch’a si môf
da cjera ch’a nus spieta
da cjera ch’a s’infota…

Roma, 15 giugno 1980 /.. / 8 dicembre 1980
Riva San Vitale, 18 agosto 1991

Leonardo Zanier, Confini-Cyermins-Grenzsteine-Meyniki , Forum Edizioni

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: