Profughi a Bruzzano

by
Sono 299, sono tutti regolari. Un appello per portare cibo coperte e altro
da Milano, Luciano Muhlbauer

Stamattina gli uomini della Questura si sono presentati di fronte all’ex-residence di via Senigallia 6, in stato di abbandono da anni e occupato da centinaia di profughi del Corno d’Africa e del Sudan sin dalla notte del 17 aprile. Volevano fare il censimento dei presenti, come annunciato da giorni sulla stampa.
All’inizio i rifugiati non intendevano acconsentire, semplicemente perché non capivano bene cosa volesse fare la polizia e perché non si fidavano. Come al solito, la comunicazione non funziona tanto bene, per usare un eufemismo. Infatti, da anni a Milano si riproduce la medesima situazione: l’unica istituzione che parla con i rifugiati è la Questura, mentre chi dovrebbe farlo non ci pensa nemmeno.
Comunque, alla fine i rifugiati hanno deciso in assemblea di farsi censire, anche perché non c’era proprio nulla da nascondere. Anzi! Avevano chiesto soltanto che la stampa potesse assistere, perché tutti i milanesi vedessero che loro hanno tutti un regolare titolo di soggiorno, cioè che sono profughi. Ma niente da fare, la Questura ha negato fino alla conclusione delle operazioni di censimento l’accesso allo stabile occupato sia alla stampa, che a quanti che da giorni stanno vicini ai rifugiati, a partire dal centro sociale Cantiere. Alla fine è stato consentito di assistere al censimento soltanto al sottoscritto, in quanto consigliere regionale, e a Piero Maestri, in quanto consigliere provinciale.
Tutto si è svolto in maniera tranquilla, senza problemi. Due tavoli posti in mezzi all’atrio dell’ex-residence e cinque funzionari della Questura a raccogliere i dati dei profughi, i quali per oltre tre ore hanno pazientato in fila. Morale della storia? I “censiti” sono 299, più due bambini piccoli, di cui 28 donne. Di loro 210 sono di nazionalità eritrea, mentre gli altri si suddividono in etiopi, sudanesi e somali. E, soprattutto, sono tutti iper-regolari (salvo due accertamenti in corso, perché erano state presentate delle fotocopie): permessi per motivi umanitari e/o richiedenti asilo.
In altre parole, sono esattamente quello che dicevano di essere, cioè gente scappata da guerre e persecuzioni, e ora è la stessa Questura che deve smentire le ignobili parole di De Corato. A questo punto, così dicono in Questura, la palla passa al Prefetto, il quale dovrà decidere il da farsi.
Ma nel frattempo la situazione dei rifugiati non è per nulla semplice. Nello stabile non c’è elettricità e anche l’acqua è un problema serio, il cibo scarseggia e anche le coperte. Ecco perché, oltre alla solidarietà e all’impegno per trovare una sistemazione dignitosa –e non temporanea e poi tutto come prima, come è successo finora-, occorre anche una solidarietà immediata.
Sotto riproduciamo l’appello steso dai rifugiati stessi, che tra l’altro dice ciò di cui c’è bisogno nell’immediato. Comunque, per ora non portate pasta o riso, perché lì non si può ancora cucinare.
Insomma, portate qualcosa, se potete, oppure semplicemente fatevi un giro e portate la vostra presenza. Per ora troppo pochi si sono fatti vedere, sia singoli che associati. I rifugiati si trovano in via Senigallia al numero 6 , zona Bruzzano, Comune di Milano. Non potete sbagliare, il mostro lasciato dalla speculazione edilizia si riconosce subito.

* * *

Appello dei rifugiati. Per tutti quelli che potrebbero aiutarci

Abbiamo occupato una casa da tre giorni perché ne abbiamo bisogno. Chiediamo a tutte le persone che possono aiutarci di portarci cibo, acqua, vestiti, coperte, latte in polvere e cibo per bambini.
Siamo più di 400 persone da diversi Paesi tutti scappati da dittature e siamo qui per cercare protezione.
Innanzi tutto il nostro problema non è politico, ma è umanitario. Come abbiamo detto, siamo Eritrei, Etiopi, Somali, Sudanesi così noi chiediamo allo Stato Italiano di rispettare i nostri diritti di "status" di rifugiati politici, perché il governo italiano ci ha lasciato come spazzatura e allo stesso tempo siamo obbligati a vivere in Italia per le nostre impronte digitali.
Così da due giorni siamo senza cibo e nessuno ci sta ascoltando. Per noi rifugiati, come sapete, la comunità europea paga milioni di euro al governo italiano e noi stiamo chiedendo dove sono finiti tutti i nostri soldi, se loro non vogliono che viviamo in Italia buttate le nostre impronte digitali e noi troveremo la soluzione ai nostri problemi.

I rifugiati, occupanti di via Senigallia 6

2 Risposte to “Profughi a Bruzzano”

  1. utente anonimo Says:

    Quanto successo oggi a Bruzzano è indegno per Milano. Le scelte della Prefettura, o di chiunque abbia deciso, sono irresponsabili e inaccettabili.
    Stamattina alle 8.30 ingenti forze di polizia hanno circondato e blindato l’ex-residence occupato fin dalla notte di venerdì scorso da 300 profughi. Tutti loro, senza eccezione alcuna, si erano ieri sottoposti volontariamente al censimento della Questura di Milano. E tutti sono risultati essere quello che dicevano sin dall’inizio: rifugiati in possesso di regolari documenti rilasciati dallo Stato italiano, che attestano la loro condizione.
    Eppure, dopo solo 12 ore dalla conclusione del censimento, la Questura ha cosiderato rifugiati soltanto quel centinaio di loro presenti dentro lo stabile all’inizio dell’odierna operazione di polizia. E soltanto a loro il Comune di Milano ha offerto delle sistemazioni temporanee in alcuni dormitori cittadini. Quanti sono rimasti all’esterno hanno invece subito un trattamento che di solito si riserva alle bestie. Diversi di loro si sono infatti dovuti far medicare dal personale delle ambulanze.
    Infine, di fronte a tutto ciò, i rifugiati riuniti in assemblea hanno deciso di abbandonare di propria volontà lo stabile sostenendo di non aver mai cercato lo scontro con le forze di polizia, ma di aver semplicemente chiesto il rispetto dei loro diritti in quanto rifugiati.
    In questo momento i profughi stanno vagando per le vie cittadine, circondati da centinaia di poliziotti in assetto di guerra.
    Oggi è una giornata molto triste per le istituzioni cittadine e nazionali. A 300 profughi, riconosciuti come tali dallo Stato italiano, è stata offerta soltanto la polizia, qualche sistemazione precaria per alcuni mesi e la strada.
    Oggi c’è proprio da vergognarsi di essere milanesi.

    Luciano Muhlbauer

  2. utente anonimo Says:

    ho pronto un sacchetto di indumenti per loro. che faccio, li porto stasera? se no, cerco di affidarli ai ragazzi dei centri sociali a milano.
    a.b.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: