un verso

by
ufficio oggetti smarriti – catalogo n.06
di Marcello

«Se la sua giornata le sembra povera, non la accusi; accusi se stesso, si dica che non è abbastanza poeta da evocarne le ricchezze; poiché per chi crea non esiste povertà, né vi sono luoghi indifferenti o miseri». Così rispose Rainer Maria Rilke al giovane poeta che accusava la realtà quotidiana di essere banale e mediocre, al punto di non offrire motivi per farne dei versi.
Come dire: sta a noi trovarla – la poesia – soprattutto quando la realtà non sembra offrire degli appigli per farlo. Nelle Lettere Rilke dice anche altro: parole che riguardano ciò che si potrebbe chiamare “vocazione”. «Morirebbe, se le fosse negato di scrivere?»
Senza scrivere, senza innaffiare le rose in giardino, senza ridere, senza ascoltare musica, senza scattare foto, senza arrotondare gli spigoli, senza cucinare per gli altri, senza camminare sui trampoli, senza stare a guardare per ore le nuvole, senza godermi il sole. Senza, non potrei vivere.
Non vorrei “smarrire” nulla di tutto ciò.
Il fiore che non sboccia è infelice, e ne muore.

Annunci

Una Risposta to “un verso”

  1. utente anonimo Says:

    Molto bello e vero.
    Roberta Salardi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: