Guerrino il libertario

by

di Franco Bolis

In questo sentito ricordo, a un certo punto Franco Bolis racconta di ragazzi per i quali l’antifascismo radicale di Guerrino diventa mitico. Ero tra loro, e forse un poco di quella sua intransigenza (e incanto libertario) la si trova persino tra le righe di questo blog. Ciao dolce Guerrino, ciao grande compagno. (G.G.)

Sabato 8 ottobre alle ore 11 nella Sala del Commiato presso il cimitero Maggiore di Pavia, circa duecento persone hanno detto addio a Guerrino Mantovan. C’erano vecchi partigiani di oltre ottant’anni e molti giovani, a fianco di ex sessantottini ed ex militanti di gruppi rivoluzionari.
Ma chi era Guerrino Mantovan? Nato il 1° settembre 1950 a San Michele al Tagliamento (Venezia), immigrato in provincia di Pavia con la famiglia negli anni Cinquanta, Guerrino ha conosciuto presto la dura realtà della vita con un soggiorno nel riformatorio di Volterra, dove ebbe la fortuna d’incontrare un volontario che si occupò della sua formazione politica: era Gianfranco Ciabatti, militante del Potere Operaio pisano.
Tornato a Pavia, Guerrino lavorò come operaio alla Snia Viscosa. Davanti ai cancelli della fabbrica, entrò in contatto con i militanti di Potere Proletario che diedero vita poi a Lotta Continua a Pavia. Divenuto un militante, Guerrino lavorò poi sempre come operaio senza mai accettare la disciplina ferrea della fabbrica, finché non se ne allontanò, guadagnandosi da vivere con lavori saltuari.
La sua militanza politica in Lotta Continua ebbe una svolta decisiva con la stagione dell’antifascismo militante. Partecipando attivamente al lavoro dell’organizzazione, divenne un punto di riferimento per molti giovani dei quartieri, proletari come lui, che ne apprezzavano il coraggio e la risolutezza negli scontri con i fascisti.
Il 14 maggio 1970, durante la campagna elettorale per le prime elezioni regionali italiane, partecipò agli scontri di piazza della Vittoria contro il comizio del capo missino Giorgio Almirante. Quegli scontri si protrassero per ore e ore coinvolgendo centinaia di persone in tutto il centro storico di Pavia. Otto giorni dopo furono arrestati otto compagni, altri furono denunciati a piede libero. Guerrino, che era riuscito a sfuggire all’arresto, fu poi catturato e associato alle carceri dove sconterà con gli altri compagni 4 mesi di galera prima del processo che vedrà la condanna per lui e per gli altri, che però furono tutti scarcerati dopo il processo.
Negli anni successivi, Guerrino fu sempre in prima linea sul fronte antifascista e si legò ancora di più ad altri proletari della città fino allo scioglimento di Lotta Continua. Divenne un “mito” per molti giovani perché riuscì sempre a vivere come loro e a capirli, ad aiutarli a risolvere i loro problemi.
Hanno scritto di lui i suoi amici anarchici in un cartello apparso il giorno del suo funerale: «Guerrino ha pagato per le sue scelte, è stato un mitico comune mortale, esempio per tutti di rara coerenza, anche per chi non approvava la sua militanza».
Alla base di tutto, per Guerrino Mantovan c’era una idea rigorosa di antifascismo. Inoltre la sua formazione, avvenuta prima di tutto sulla strada in un dialogo continuo con gli altri compagni e non, e poi con la lettura da autodidatta, lo ha portato ad una concezione libertaria del comunismo. Una volta uno del Pci disse: «Voi non siete comunisti, siete guevaristi».
Proprio così. Guerrino il “Che” se lo era fatto tatuare sull’avambraccio, perché per lui era un rivoluzionario che dopo una rivoluzione non si era fermato e non era diventato un comunista autoritario. Ecco, per me Guerrino Mantovan era un libertario di estrema sinistra.

3 Risposte to “Guerrino il libertario”

  1. daniela Says:

    spagnulo vi saluta

  2. Xxxccccc Says:

    Guerrino Mantovan … prima di entrare in lotta continua … era un ex pugile e un Militante della Giovane Italia e del M. S. I. e fu espulso da Zanotti. Questa la vera storia.

  3. ggiovannetti Says:

    E cosa ci trovi di così scandaloso?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: