Fornero: «Chiedo scusa»

by

«Chiedo scusa a tutti coloro ai quali ho creato angoscia». Lo afferma a Focus economia su Radio 24, l’ex ministro Elsa Fornero.

«In quelle giornate mi è stato chiesto di fare la riforma delle pensioni. I risparmi di spesa che venivano fuori – sottolinea –  sembravano sempre insufficienti anche con le misure che sono state aggiunte, come l’aver tolto indicizzazione alle pensioni salvando soltanto quelle bassissime. Già questa è stata una conquista perché all’inizio non c’era spazio neppure per salvare dal taglio dell’indicizzazione le pensioni più basse. E quando all’elenco di tutte le persone da salvaguardare chiedo una stima agli uffici e mi viene detto 50.000 e poi portate a 65.000, avrei dovuto dire: “fermi tutti, io avrei bisogno di 15 giorni per verificare che questa cifra sia corretta”. Io non l’ho fatto, avrei dovuto, ma non l’ho fatto» conclude Elsa Fornero.

Massimo Misiti – Ma vaffanculo!

Carlo Magrini – Non l’hai fatto perché ci volevano 15 giorni ? Ma vaffanculo, c’è gente che s’è ammazzata per quello che hai combinato e tu non potevi spendere 15 dei tuoi “preziosi” giorni ? Quei 3 morti delle Marche li hai sulla coscienza tu e non ti sei degnata di proferire parola al riguardo. Un bambino/a dell’elementari non avrebbe combinato questo casino, professoressa di cosa ? A settembre 2012 ho compiuto 40 anni di contributi a 59 anni e non posso andare in pensione mentre tu …non ho stipendio e pensione!!!

Antonio Capodicasa – Se dopo la Fornero, le cui scuse non mitigano certo i danni prodotti dalla sua ingiusta riforma, cominciassero a scusarsi anche tutti quelli che quel provvedimento di legge l’hanno votato senza nemmeno leggerlo, sarebbe già un passo avanti, magari per trovare un modo di cambiarla. Ma si sa, i nostri politici non ci pensano nemmeno lontanamente ad assumersi la responsabilità di quello che fanno, perché se è vero che la legge porta il nome dell’ex ministro, almeno 700 parlamentari quella legge l’hanno votata.

Anna Rita Franchini Materozzi – Mi dispiace… ma io e la mia famiglia non accettiamo le sue scuse e tantomeno le sue lacrime di coccodrillo….

Tiziana Marzocco – Ma che la finisca di fare la coccodrilla e di prenderci per i fondelli! Invece di chiedere scusa doveva, come ultimo atto da Ministra, firmare il Decreto per il prosieguo della mobilità per l’anno 2013, e invece se ne è altamente fregata delle persone che sono rimaste senza reddito ed ha passato la palla al nuovo governo.

Gabriella Morella – Parole, parole, parole ecc.ecc. Tra l’altro il pezzo le si addice proprio perché ad un certo punto dice “caramelle non ne voglio più” Non dico come ha la faccia perché, contrariamente a lei, sono una signora!

Florina Hustiu – delle sue scuse non ci facciamo un bel niente dal medico chi x depresione chi x altre maganie uscite x colpa sua … che meta a posto tutti li esodati e che finisca di pagare la mobilita in deroga x chi a lasciato senza un euro da mesi e mesi.

Lina Di Pasquantonio
– Troppo facile cvarsela con delle scuse! …tacci tuoi! Devolvi tutti i tuoi averi e i tuoi benefici economici alle famiglie alle quali hai creato disagi e disperazione. Risarcisci, insieme alla banda di suonatori di pifferi con i quali hai operato, le famiglie dei cristiani che si sono suicidati per solidarietà con la vera povertà, che tu non conosci. Vai a vivere sotto i ponti e chiedi tutti i giorni perdono al buon Dio, sperando che almeno lui sia disposto a sprecare qualche prezioso minuto per te.

Valter Saporiti – Anche pensando che la riforma è stata fatta in buona fede (?), la stessa è stata causa di morti di cui, se hai un minimo di sensibilità, ti dovrai portare avanti fino a che campi. Oggi non vale rappresentare, o comunque esprimere disagio dopo ciò che hai fatto. Le scuse non reggono e il voler avuto la tenacia di portare avanti la riforma, pur in presenza di evidenti situazioni di difficoltà da parte dei destinatari, è stato un fatto grave a cui dovrai rispondere per tutta la tua vita.

Giuseppe Lomolino – La signora Fornero, dovrebbe sapere che non si tratta di angoscia, ma di terrore. Chi non ha alcun reddito, per colpa di una decisione del governo, pensa al suicidio altro che angoscia. Quando poi si pensa ai 60 miliardi di corruzione, ai 120 miliardi di evasione e ai 100 miliardi depositati in svizzera, si capisce perché i ristoranti sono ancora pieni e in giro si vedono suv nuovi e fiammanti. Non si tratta di invidia sociale ma di ingiustizia SOCIALE. Quando un governo riuscirà a ridurre la forbice terribile che si è creata allora!!! Basta parole, ci vogliono i fatti.

Maurizio Migazzi – Ma dov’è finita l’arroganza con la quale difendeva a spada tratta una riforma che verrà ricordata nella storia come la più iniqua e peggiore di sempre? una legge che ha causato danni enormi e che verranno pagati dalle classi più deboli ed è servita solamente a portare il paese nella più profonda recessione . Carissima Fornero non vivrai mai a sufficienza per poterti vergognare del male che hai inflitto ai tuoi concittadini e al paese intero :(((

Francesco Generoso – Ce ne fottiamo delle tue scuse, c’è gente che per anni non sa come vivere, personalmente ti auguro che tu possa vivere a lungo e spero che tutti i guai che hai combinato ti accompagneranno fino alla fine, per il tuo e altrui non pensare siamo in tanti a dover lavorare ancora per 5 o 6 anni e questo poi ci costa una riduzione dell’assegno di pensione, era meglio che le tue malefatte te le tenevi per te. PS: tanto tu te ne fotti di tutti noi, non hai problemi di lavoro o di pensioni.

Giuliano Tescaroli – Una capra avrebbe fatto meglio certamente di lei ex ministro ma i danni che ha fatto restano purtroppo a noi e ovvio a lei resterà la pensione d.oro complimenti BRAVA
.

Ombretta Rendina – Troppo facile, avrebbe dovuto riconoscere subito di essere incompetente e lasciare il posto a qualcuno che lo fosse.

Fulvia Dudine – Bastarda, con tutti i privilegi di cui ha goduto e gode lei e la sua famiglia, poteva almeno risparmiarci quest’ultima recita.

Coppola Giovanni – Impiccati e raggiungi le tue vittime !!!

Mel Dulcis – Lacrime di coccodrillo; anzi, di caimano.

Maria Teresa Careddu – Scusa? leggere certe dichiarazioni fa salire la pressione… ricordo benissimo le sue dichiarazioni quando i suoi dati non coincidevano con quelli dei sindacati e con l’inps. Ricordo la sua durezza la sua super convinzione di aver fatto la riforma più giusta… anzianità, allungamento degli anni di lavoro indicizzazioni… ecc….ma il v… è il minimo che le si può augurarle.


Nuccio Piccoli – Io non ti scuserò mai. Non so che farmene delle scuse di una che non ha mai lavorato seriaimente in tutta la vita. Devi darmi la mia pensione bastarda !!!con gli arretrati le spese peri i danni morali e materiali dell’esaurimento e della gastrite che mi hai procurato. Spero che tu muoia sofrendo.

Maurizio Bartolucci – Ora Sono in Pensione. Hai creato miseria e disperazione, ci sono persone che pensavano di andare in pensione dopo due anni, ora gliela daranno alla memoria. Le tue lacrime erano di circostanza, ma quelle degli esodati sono vere. Stronza!

Erminia Magnani – Quando ero piccolina e piangevo ininterrottamente per i capricci, a volte mia mamma mi mollava una sberla e mi diceva: “almeno piangi per qualche cosa”. Ecco, mi piacerebbe fare lo stesso con la Fornero.

Giuseppe Carito – Vai a fare in culo stronza hai rovinato centinaia di persone con la tua incapacità sono uno di quelli che grazie alla tua riforma di merda ora si trova senza pensione e senza reddito dopo 40 anni di lavoro. Quando andrai a insegnare (a fare danni) al politecnico spera di non aver nessuno studente che uno dei genitori sia finito nella miseria per colpa tua. Questo vale anche hai politici che ti hanno appoggiato.

Luisa Bacocchia Non vogliamo più sentire il tuo nome.

Continua…

(da “L’Unità” online)

Annunci

Tag:

8 Risposte to “Fornero: «Chiedo scusa»”

  1. giampy Says:

    Leggo i commenti e mi chiedo?Da dove è sbucata la fornero (non uso la maiuscola per rispetto delle lettere!)professoressa e quindi
    indicatrice di una via da seguire?Chi l’ha messa in quel ruolo per
    darle modo di mettercelo in quel posto?Qualcuno la difende,dicendo che è stato obbligata!Obbligata da chi?Se una persona è intelligente,giudica e rifiuta le “stronzate”.lei per volere
    del potere ha usato le lacrime come lubrificante analizzatore.Tenendo fede al suo ruolo si è portata un esercito come scudo per l’acquisto di un paio di scarpe.Adesso 200,000
    statali sono in esubero.Andranno in pensione anticipata alla faccia
    della legge fornero.Lo so,l’italia è diventato uno stato di merda
    perchè noi siamo gli stronzi che l’alimentano.

  2. ida d'innocenzo Says:

    In Germania la vedo bene la ministra magari l’assumono come direttrice nei campi di concentramento spietata com’e’ Io brutta strega che non sei altro sto in depressione per colpa tua licenziata a 59 anni con 27 di contributi sarei andata in pensione di vecchiaia nel 2014 invece tu hai pensato bene di fare la bella figura da maestrina con chi ti ha ingaggiato e in pochi giorni hai rovinato migliaia di persone non abbiamo parole per quanto male ti vogliamo e ti auguriamo tutte le disgrazie di questo mondo penso che ti arriveranno presto perche’ i pensieri che abbiamo sono molto forti e intensi quindi non avrai scampo nemmeno se te ne andrai in Germania ps: ma a te la depressione non ti viene con tutti i rimorsi che dovresti avere? gia’ ma con tutti i soldi che ti hanno dato riusciresti a curarti bene! vai all’INFERNO

  3. benedetta Says:

    C’è un detto: “chi sa fare fa; chi non sa fare insegna; chi non sa insegnare si mette in politica” . A chi lo dedichiamo? a Monti? alla Fornero? La vera feccia dell’ Italia è seduta negli scranni più alti!

  4. Mattia Says:

    Inutile scrivere quello che realmente si pensa. Anzi, si ritorcerà contro quando qualche solerte poliziotto meridionale, troppo pavido per fare lotta ai veri criminali dell’antistato al sud, deciderà di presentarsi a casa di qualcuno di cui sopra per minacce alla sicurezza nazionale. Magari mandato da qualche ex-sceriffo in pensione prestato a svernare in politica, che ha riconsegnato il distintivo, ma che la pistola con la matricola abrasa ce l’ha ancora in tasca. Occhio fratelli/sorelle.

  5. Anonimo Says:

    Nel mio lavoro quando sbagli paghi: la Fornero di errori ne ha fatti tanti perchè non paga di tasca sua???!!

  6. Giorgio Says:

    Scemaaaa!!! Scemaaa!!! Scemaaa!!!

  7. Emilio Torquati Says:

    La Fornero per qualche istante si sarà sentita una novella Thatcher senza peraltro averne intelligenza e carisma, però vi assicuro che in U.K. una così non sarebbe diventata ministro di un bel niente…..rincresce dirlo ma siamo un popolo di pecoroni individualisti che nonostante la democrazia scegliamo i peggiori governanti e subiamo il resto. Amen

  8. mario Says:

    una persona che ha nella testa e nel cuore ha dei principi non avrebbe mai fatto una cosa del genere, anzi se ne sarebbe ben guardata.Ha tolto la dignità mettendo miglia di famiglie nell’ansia nella disperazione nell’insicurezza del domani , e dopo tutto questo ha il coraggio di scusarsi????? e quelli dopo di lei ????????? cosa hanno fatto sino ad ora???? nulla ,quanto tempo deve ancora passare per sistemare questa infamia.
    Renzi???????e compagnia ???? cosa aspettano altri morti ??? dire che cosa? non ci sono aggettivi per qualificarli.
    Se c’è una giustizia al di sopra di noi, spero che questa si abbatti su di voi con la stessa cattiveria .

I commenti sono chiusi.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: