Okkei il prezzo è giusto

by

Cospicua “Indennità di risultato” per Moro e Grecchi
da Bananopoli, Giovanni Giovannetti

Sentite questa: all’onorato e plurindagato dirigente all’Urbanistica Angelo Moro (ora è alla Mobilità) il Comune di Pavia ha riconosciuto una cospicua “Indennità di risultato” (12.235 euro) per aver conseguito buona parte degli obbiettivi politici indicati quest’anno dalla Giunta Cattaneo. “Indennità” per 23.948 euro a Francesco Grecchi, il nuovo dirigente all’Urbanistica in sostituzione del Moro, anche lui più che indagato. Per capire, lo stipendio di un dirigente comunale è suddiviso in tre parti: una prima, contrattualmente stabilita, prevede un minimo sindacale inderogabile di 42.300 euro, che va a sommarsi con l’“Indennità di posizione” (variabile da settore a settore, è proporzionale alle responsabilità, così che un dirigente all’Urbanistica o ai Lavori pubblici o alla Polizia locale si piglia altri 40-45 mila euro). Infine, l’“Indennità di risultato”: un incentivo misurabile sugli obbiettivi indicati dalla Pubblica amministrazione (per i semplici dipendenti non superano i 356 euro lordi…)
L’analisi dei comportamenti organizzativi – a cura di un Nucleo di valutazione, di nomina fiduciaria del del sindaco – prevede la compilazione di una “scheda di valutazione” in cinque punti: 1. Impegno lavorativo e qualità del contributo assicurato alla performance del servizio di appartenenza e del gruppo di lavoro nel quale è coinvolto – 2. Adattamento operativo alle esigenze di flessibilità ed ai cambiamenti organizzativi – 3. Orientamento all’utenza – 4. Coinvolgimento nei processi lavorativi e capacità relazionale interna – 5. Capacità di iniziativa personale e organizzativa. A ciascuno dei cinque parametri è attribuito un punteggio da 0 a 20. Nude indicazioni poiché, come si legge, «il Sindaco può, in ogni momento, fornire indirizzi e orientamenti al Nucleo di valutazione, nonché richiedere modifiche ed integrazioni di impostazioni metodologiche e priorità operative» (ma non era «in posizione di autonomia»?) Insomma, l'”indennità di risultato” a questo modo la decide il Sindaco, sentito il Nucleo di valutazione e chissà chi altro.
Quale bottino per l’onorato e indagato dirigente Angelo Moro? Forse la falsa certificazione Green Campus… il depistaggio sulla lottizzazione abusiva Greenway… l’illecita Concessione edilizia per Punta Est o per i capannoni di via Emilia o per il Centro benessere Campus Aquae… E quale per Francesco Grecchì? dirigente e diligente  (nel sottoscrivere convenzioni con i lottizzatori abusivi di Green Campus) o a far casini in via Emilia. Parafrasando Mario Puzo, secondo la cosca Cattaneo del mandamento pavese, i picciotti Moro e Grecchi hanno fatto centro in pratica su tutto, così da ricevere una indennità che non potranno rifiutare… Baciamo le mani.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: