Caro Partito democratico pavese…

by

Lettera aperta al partito che non c’è
da Pavia, Giovanni Giovannetti

Caro Partito democratico pavese, con quali facce, alle Comunali 2014, vi imbelletterete di fronte all’elettorato? Candidando bronzei ex assessori e tirapiedi di Albergati e Capitelli? E dire che, per cominciare, sarebbe bastato immaginare incandidabili gli assessori e i collezionisti di cariche e incarichi – gli stessi che localmente ci hanno portati lì dove siamo – dando adeguato spazio a idee e sguardi nuovi, in modo da rendere tangibile ovvero credibile la distonia con l’orripilante deriva economico-affaristico-urbanistica che tuttora paghiamo, imponendoci altre scelte.
Se non altro, se non a fronte del gravoso lascito pavese, qualcuno tra voi avrebbe potuto almeno provare a sostanziare l’autocritica appellandosi a Statuto e Codice etico del partito: «Ineleggibilità in caso di cumulo di diversi mandati elettivi» (Statuto del Partito democratico, art. 19 comma 2d); «Gli iscritti al Partito Democratico non possono far parte contemporaneamente di più di un’assemblea elettiva e di un organo esecutivo, tranne i casi in cui questo sia strettamente richiesto da una delle cariche istituzionali ricoperte» (art. 21 comma 6) o «assumere o ricoprire contemporaneamente più cariche istituzionali elettive (art. 3 comma 2b del Codice etico). Per tacere l’articolo 2 comma 5, sempre dal Codice etico: «Le donne e gli uomini del Partito Democratico ispirano il proprio stile politico all’onestà e alla sobrietà […] Non abusano della loro autorità o carica istituzionale per trarne privilegi; rifiutano una gestione oligarchica o clientelare del potere, logiche di scambio o pressioni indebite»: calza perfettamente al compagno Alberto Pio Artuso, ora a giudizio per la lottizzazione abusiva Greenway nel Parco della Vernavola (così avete difeso ambiente e bene comune). Ma non ditelo ai suoi compagni di merende Albergati, Bosone, Brendolise, Maggi, Pezza, Ruffinazzi, ecc.
Non ditelo, poiché il problema non sono le mafie e tanto meno l’affarismo: a Pavia il problema sono Grillo e Cinquestelle…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: