Sana e robusta Costituzione 2

by

Art. 13 della Costituzione italiana: «È punita ogni violenza fisica e morale sulle persone comunque sottoposte a restrizioni di libertà».
Art. 27: «Le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione del condannato». Art. 32: «La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività».

In Italia, più di 65.000 detenuti sono stipati in celle che ne potrebbero contenere poco più di 40.000: per lo più in tre dentro celle di 7,5 metri quadri, la stessa superficie di un parcheggio d’auto a righe blu (secondo la Corte europea per i diritti dell’uomo, 7 mq è lo spazio vitale minimo da riconoscere ad ogni detenuto, sotto il quale è tortura) oltre a una cronica carenza di organico di polizia penitenziaria, educatori, assistenti sociali: solamente l’1,8 per cento dei detenuti ha la possibilità di lavorare o di frequentare corsi di formazione, con buona pace del carattere rieducativo della pena.

A Pavia, nel carcere dei Torre del Gallo sono rinchiusi più di 500 detenuti a fronte di una capienza di 248, in celle di 7 mq: 2 o 3 detenuti per cella.

La costituzione va difesa praticandola, e non solo con letture alla moda nelle piazze.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: