Il gioco delle carte

by

Asm. L’esposto di Walter Veltri alla Procura

Il presidente Asm Giampaolo Chirichelli e il direttore generale Claudio Tedesi avrebbero lucrato anche con la carta di credito aziendale e ora provano a impedire l’accesso alle prove. È quanto emerge dall’esposto in Procura del consigliere comunale Walter Veltri (su Asm è il secondo in un mese).
Alle diarie a forfait e ai premi di cui si è parlato (e denunciato in un primo esposto alla Procura) dovremo dunque sommare quest’altro indebito esborso, denari solo in parte restituiti all’azienda (ma non erano passati al forfait per darsi «un tetto»?)
Come leggiamo nell’esposto di Veltri, dall’ottobre 2011 a oggi Chirichelli avrebbe ab/usato la carta di credito aziendale «per un importo complessivo di euro 11.679,25 così suddiviso: anno 2011, euro 1.129,06; 2012, euro 5.458,97; 2013 euro 5.091,25». Ma –
ahi ahi – dal compenso forfetario risultano detratti solo 5.947,73 euro.
Quanto a Tedesi, tra l’ottobre 2011 e l’agosto 2013 avrebbe fatto uso della carta di credito aziendale per un ammontare di 32.978,85 euro a fronte di un
benefit forfetario dichiarato in “soli” 18.000 euro. Tuttavia, scrive Veltri, «non avendo ottenuto la documentazione, non è possibile verificare la veridicità delle certificazioni del direttore amministrativo, così come non è possibile esaminare le pezze giustificative a supporto della somme utilizzate con le carte di credito».
Veltri annota infine che «tra i consiglieri di amministrazione l’unico ad aver percepito il beneficio forfettario è stato Luca Filippi Filippi
[ettepareva…]. Gli sono stati corrisposti complessivamente euro 31.500. Dalla documentazione fornita non risulta che il consigliere abbia effettuato spese per l’attività di amministratore, per cui non si comprende a che titolo abbia percepito» rimborsi. (G. G.)

Al Sig. Procuratore della Repubblica
piazza del Tribunale 1, Pavia

In data 19 ottobre 2011 il Cda di Asm deliberava di assegnare un rimborso mensile, denominato “beneficio forfettario” in sostituzione del rimborso a piè di lista, subordinato alla compilazione di un apposito “report di trasferta”: al presidente 2.500 euro, al vice presidente 2.000, al direttore generale e ai consiglieri 1.500 motivando questa decisione con l’obiettivo di evitare «aggravi amministrativi per la società che altrimenti risulterebbe tenuta alla puntuale contabilizzazione di tutte le spese anche minute».
Al Presidente dr. Gianpaolo Chirichelli i rimborsi sono stati effettuati dietro presentazione della fattura.
Dal mese di ottobre 2011 al mese di luglio 2013 gli sono stati corrisposti complessivamente euro 66.550 (3.025 euro al mese Iva compresa).
Dalla documentazione in mio possesso risulta che nello stesso periodo, per l’attività aziendale, è stata utilizzata la carta di credito dell’azienda per un importo complessivo di euro 11.679,25 così suddiviso: anno 2011, euro 1.129,06; 2012, euro 5.458,97; 2013, euro 5.091,25.
Dal compenso forfettario è stata detratta la somma di euro 5.947,73.
Dai riepiloghi a firma del direttore amministrativo dr. Antoniazzi risulterebbe che il Presidente abbia percepito, per il periodo ottobre 2011-luglio 2013, benefici forfettari per euro 60.603 senza giustificazioni.
Lo stesso dr. Antoniazzi il 19 settembre 2013 ha informato il Presidente che «il saldo contabile della scheda costi carta di credito Asm Pavia a Lei in uso è, ad oggi, zero».
Dall’esame dei cedolini paga risulta che il direttore generale dr. Claudio Tedesi nel periodo ottobre 2011-agosto 2013 ha percepito, per benefici forfettari, complessivamente euro 18.000. Nello stesso periodo ha effettuato spese, per l’attività a favore della società, con la carta di credito aziendale per un totale di euro 32.978,85. Essendo le somme utilizzate con la carte di credito maggiori all’importo complessivo erogato per benefici forfettari, il dr. Tedesi non ha avuto diritto a ricevere alcun beneficio forfettario. Infatti il dr. Antoniazzi ha certificato che al 1°ottobre 2013 , data della dichiarazione «tutti i rimborsi richiesti sono stati regolarmente saldati dal direttore generale». Non avendo ottenuto la documentazione non è possibile verificare la veridicità delle certificazioni del direttore amministrativo come non è possibile esaminare le pezze giustificative a supporto della somme utilizzate con le carte di credito.
Dai cedolini paga risulta che tra i consiglieri di amministrazione l’unico ad aver percepito il beneficio forfettario è stato Luca Filippi Filippi. Gli sono stati corrisposti complessivamente euro 31.500. Dalla documentazione fornita non risulta che il consigliere abbia effettuato spese per l’attività di amministratore, per cui non si comprende a che titolo abbia percepito il beneficio forfettario. Dunque ho più volte richiesto all’azienda di ottenere copia dei seguenti documenti:
– copia delle fatture del Presidente dal mese di ottobre 2011 al mese di agosto 2013;
– copia degli estratti conto delle carte di credito aziendali in uso al presidente e al direttore generale per lo stesso periodo;
– copia cedolini paga del direttore generale e dei consiglieri Cda di Asm sempre per lo stesso periodo;
L’azienda ha rifiutato la consegna adducendo che «la pretesa dei consiglieri comunali di accedere direttamente alla contabilità sociale è incontestabilmente una pretesa giuridicamente illegittima e un comportamento collusivo degli amministratori avrebbe posto in essere una violazione delle norme che regolano i rapporti tra società e soci» (sentenza Cassazione n.13381 del 15 ottobre 2013).
Ritengo che il rifiuto sia manifestamente illegittimo. Infatti non ho preteso di esaminare tutta la contabilità dell’azienda ma solo di ottenere copia dei suddetti documenti atti a comprovare le spese effettivamente sostenute per viaggi, missioni, alberghi, pasti etc. cioè le spese effettivamente attinenti all’attività aziendale. Sarebbe paradossale impedirmi di fare questo controllo in presenza del decreto legislativo n. 33 del 2013 che impone agli amministratori di nomina del comune di pubblicare non solo i redditi ed il patrimonio ma anche i compensi di qualsiasi natura connessi all’assunzione della carica, gli importi di viaggio di servizio e le missioni pagati con soldi pubblici.
Il Consigliere Comunale ha il diritto dovere, nell’esercizio delle sue funzioni, di esaminare i documenti suindicati per accertare se, per avventura, non siano state effettuate anche erogazioni del tutto estranee all’attività aziendale.
Occorre un penetrante controllo delle spese sostenute dagli amministratori posto che le attuali cronache giudiziarie rivelano che in tutta Italia gli amministratori pubblici fanno un uso assai disinvolto del denaro pubblico.
Si chiede pertanto che la S.V. voglia acquisire copia dei documenti sopra indicati, dato che il rifiuto di consegnarli ad un Consigliere comunale comporta “veemente suspicione”.
Si chiede, inoltre, che la S.V. voglia esaminare se nel rifiuto sopra indicato si possano ravvisare gli estremi del reato di omissione di atti d’ufficio o di altri più gravi reati.
Dichiaro di intervenire nelle eventuali indagini preliminari conseguenti al presente esposto in surroga del Comune di Pavia. Dichiaro altresì che intendo oppormi all’eventuale richiesta di archiviazione e all’eventuale emissione di decreto penale.
Chiedo infine di essere informato dell’eventuale richiesta di archiviazione.

Pavia, 6 dicembre 2013

Walter Veltri, consigliere comunale

Annunci

Tag:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: