Certosa, negati i documenti

by

Comunicato dei Cinquestelle: «Il Demanio nega l’accesso agli atti pubblici relativi alla Certosa di Pavia al Senatore Orellana e alla Consigliera Nanni: il M5S vaglierà i possibili ricorsi»

Venerdì 10 Gennaio 2013, il Senatore Orellana e la Consigliera regionale Nanni hanno incontrato i dirigenti dell’Agenzia del Demanio, Direzione Regionale Lombardia – presenti il Direttore Regionale Ing. Luca M. Terzaghi e la Responsabile Servizi Territoriali arch. Giovanna Fedrigucci, per acquisire copia dei documenti amministrativi relativi alla gestione e tutela del complesso monumentale della Certosa di Pavia, a seguito di regolari richieste di accesso agli atti effettuate nel Novembre 2013.
Il complesso monumentale della Certosa di Pavia è da oltre un secolo monumento nazionale, e la proprietà è statale, precisamente del Demanio: gli atti relativi alla gestione, tutela e promozione del complesso sono quindi atti pubblici di interesse nazionale. Ciò nonostante, il Demanio ha negato l’accesso agli atti sia al Senatore Orellana sia alla Consigliera Nanni, nel caso di Orellana sostenendo che il Senatore «non si configura soggetto legittimato all’esercizio dell’accesso». In modo singolare, l’Agenzia del Demanio ha quindi sostenuto che un Senatore della Repubblica, che rappresenta tutti i cittadini italiani, non sarebbe un «soggetto legittimato» all’accesso agli atti pubblici relativi alla Certosa di Pavia! Motivazioni analoghe sono state fornite per negare l’accesso agli atti anche alla Consigliera Nanni.
Secondo Orellana: «prendiamo atto del diniego del Demanio a fornirci copia dei documenti richiesti, e esploreremo tutte le modalità offerte dalla legge per ricorrere contro tale rifiuto. Verificheremo con i nostri legali se sia legalmente possibile il negare ad un Senatore della Repubblica e ad una Consigliera regionale l’accesso ad atti pubblici relativi a un monumento nazionale di proprietà dello Stato». Nanni dichiara: «Trovo sconcertante la risposta del Demanio. Darò pieno mandato ai miei legali di verificare se tale risposta sia conforme ai precisi obblighi di legge relativi alla trasparenza degli atti amministrativi e al principio di leale collaborazione fra Istituzioni».
Nel corso dell’incontro, durate tre ore, Orellana e Nanni hanno posto puntuali domande, fondate sui documenti della scheda ARCUS2009 e dei verbali dei tavoli tecnici del Demanio, circa la messa a norma del complesso, in particolare degli impianti elettrici ed anti-incendio, l’esistenza di un piano organico e complessivo di gestione e monitoraggio del complesso, l’entità e l’origine dei finanziamenti finalizzati alla tutela del bene, l’entità degli introiti privati derivanti dalle libere donazioni dei turisti nei confronti di chi attualmente gestisce senza averne titolo il complesso: a queste domande i dirigenti del Demanio presenti all’incontro hanno dato risposte orali evasive, senza esibire alcuna prova documentale e certa. In particolare, i dirigenti del Demanio presenti all’incontro hanno dichiarato che non esiste un monitoraggio preciso del flusso di turisti annuale relativo al complesso monumentale, che non c’è una rendicontazione fatta dal proprietario del complesso, il Demanio stesso, degli introiti derivanti dalle libere donazioni dei turisti ai gestori privi di titolo del complesso, che attualmente non esiste un piano complessivo ed organico di recupero e rilancio del complesso monumentale: tali “risposte” vanno inquadrate in un contesto che vede la gestione da parte dei frati del complesso monumentale priva di un titolo formale dal 1983, data in cui è scaduta la convenzione fra i frati e il Demanio per la gestione del complesso. Sono passati trenta anni da quando è scaduta la convenzione per la gestione della Certosa di Pavia non è più stata regolarizzata formalmente la gestione dell’area principale del complesso, né è stata regolarizzata la presenza dei frati, nonché la loro gestione del complesso monumentale, né è stato elaborato un piano di recupero e rilancio organico e complessivo del monumento nazionale.
Il Senatore Orellana e la Consigliera Nanni hanno rinnovato il loro impegno a favore di una corretta e regolare gestione della Certosa di Pavia che sia conforme alle leggi e all’altezza del ruolo per il territorio e per l’Italia che potrebbe rivestire tale inestimabile monumento nazionale. Segnaliamo che a riguardo dell’attuale gestione del complesso è stato depositato un esposto alla Procura della Repubblica a firma della Consigliera Iolanda Nanni, e che il Senatore Orellana e la Consigliera Nanni hanno dato mandato ai loro legali di verificare la legittimità del rifiuto da parte del Demanio di consentire l’accesso agli atti amministrativi relativi alla gestione del monumento nazionale. Il M5S non rinuncerà a fare luce e chiarezza su cosa sia avvenuto in questi trent’anni alla Certosa di Pavia, e sulle responsabilità politiche di chi avrebbe dovuto assicurare una gestione corretta, trasparente, conforme alle leggi del monumento nazionale.

Annunci

Tag: , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: