Al rogo!

by

Duemilasettecento famiglie pavesi non riescono più a pagare il gas? Tempo 90 giorni Linea Più lo stacca per morosità, lasciandole senza termosifoni in inverno e senza il necessario «per scaldare un bicchiere di latte o fare una pasta» poiché, avverte il presidente Carlo Alberto Conti, «noi dobbiamo produrre utile». Sarebbe utile invece cacciare a pedate chi la propone così. Di seguito riprendo il bell’articolo di Anna Ghezzi pubblicato oggi dal quotidiano locale. Da meditare. (G. G.)

Bollette non pagate. Piombati oltre 2.700 contatori del gas. Erano 1.600 nel 2012, utenti morosi in aumento del 71%. Due su cinque non pagano e il contratto viene chiuso.
di Anna Ghezzi*

Il vero freddo arriverà a fine mese. Ma anche con le temperature leggermente sopra la media di quest’inverno piovoso e atipico non è piacevole rimanere in casa senza gas per scaldare un bicchiere di latte o fare una pasta, e coi termosifoni freddi. Eppure è una situazione sempre più diffusa: in un anno le famiglie che non hanno pagato le bollette del gas e sono state oggetto di un sollecito sono cresciute del 71 per cento: nel 2011 le richieste di chiusura del contatore per morosità erano state 850 nella zona di Pavia e Pavese servita da Linea Più, l’anno scorso 1600. Quest’anno sono state più di 2700. Inoltre, se nel 2012 una famiglia su dieci decideva di rimanere senza contatore del gas e di affidarsi a stufe, bombole o elettricità, nel 2013 il 40% dei clienti oggetto di piombatura contatore per morosità, non ha raggiunto accordi di pagamento e quindi il contratto è stato poi chiuso. Per riallacciare il contatore del gas occorre saldare il debito, e in più pagare i costi di chiusura e riapertura, che sono altri 90 euro. «I dati della morosità sono in crescita da anni – spiega il presidente di Linea Più Carlo Alberto Conti, consigliere comunale di maggioranza – La crisi si riflette sui consumi dei generi di prima necessità, il gas non è esente da questa tendenza. Resta ferma la nostra disponibilità, legata alla filosofia aziendale di Linea Più, secondo cui gli uffici fanno il possibile per andare incontro alle esigenze di chi ha problemi a pagare». Per esempio c’è una lista di situazioni disagiate che il Comune ogni mese invia all’azienda, ad esempio. «Noi cerchiamo di trovare formule e dilazioni di pagamento accessibili – precisa Conti – ma siamo un’azienda che opera su un mercato competitivo e le regole del mercato sono severe: noi dobbiamo produrre utile. Cerchiamo, ove possiamo, di venire incontro alle fasce deboli, anche in sinergia col Comune di Pavia e i servizi sociali con cui spesso riusciamo a risolvere situazioni critiche». I tempi del distacco? Linea Più distacca l’utenza per morosità dopo circa 75 – 90 giorni dalla data della scadenza della bolletta, «ben oltre le tempistiche più strette previste dall’autorità dell’energia», fanno sapere dall’azienda. «Abbiamo cura nell’avvertire e nel monitorare le situazioni a rischio – conferma Conti – e passano circa due mesi dal primo avviso alla chiusura del contatore: cerchiamo di dare tempo di regolare i debiti». Eppure sempre più spesso arrivano segnalazioni di distacchi “inaspettati” in seguito a bollette mai arrivate: «Questo è un problema – afferma Conti – capita che qualche cliente non riceva la bolletta in tempo, oppure non la riceva proprio. Il problema grosso è rappresentato dal fatto che le agenzie di consegna a cui ci dobbiamo affidare per il servizio di recapito non sempre sono affidabili: è capitato addirittura di trovare mucchi di bollette tra i rifiuti: in quel caso non è colpa né del cliente né dell’azienda, ma di un disservizio esterno». Il risultato, tuttavia, non cambia. E si rischia di ritrovarsi col contatore piombato.

* “La Provincia Pavese”, 14 gennaio 2014

Annunci

Tag: ,

Una Risposta to “Al rogo!”

  1. Nicolae Says:

    A me lo hanno stacato gia. Per fortuna avendo esperienza ho trovato una stuffa a legna e ci riscaldiamo cosi marito moglie e 2 bambini. Ma dietro a ogni familia ce qualcosa di brutto. A me la maffia mi ha ridotto cosi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: