Ultime parole fumose

by

Questo profetico “forum” su Facebook (12 marzo, “Politica a Pavia”) per taluni sa di beffa. Ha per tema l’ordinanza della Corte di Cassazione sulla convenzione sanatoria comunale per Green Campus, e l’ultimo intervento dell’ex vicesindaco di Pavia cade alle ore 22:30. Filippi a Giovannetti: «Ti devi mettere in testa che io non ho mai violato la legge!» All’alba, l’arresto.

Ettore Filippi  Fino ad ora “supercazzole” si sono dimostrate le denunce e le iniziative giudiziarie (almeno a parere della Cassazione che vale certo più di Facebook!).

Giovanni Giovannetti  Ettore Filippi Vai dall’esorcista va’, ke porti sfiga. E tanti saluti a Ciro Manna e Altin Prenga.

Davide Ottini  Ettore, mica tanto supercazzola, tant’è che per “sanare” un “permesso a costruire” giudicato insufficiente a garantire la destinazione d’uso dell’area (il solo atto unilaterale d’obbligo è stato ritenuto strumento inadeguato) si è resa necessaria una convenzione ex post….Quindi rispetto alla nostra denuncia pubblica iniziale i dubbi e le perplessità non erano così campate per aria! Dopodiché prendo atto della doppia sentenza a favore del dissequestro (GUP e Cassazione) che evidenziano come appunto tale convenzione ex post abbia reso legittimo un atto che, così come licenziato ai tempi del rilascio del permesso a costruire, evidentemente così in regola non era. Quindi i presunti “giustizialisti” non hanno «stretto Pavia nella morsa della cultura del sospetto» (come sostiene l’amico Ass. Bellaviti Marco) bensì hanno condotto un’inchiesta che non ha portato a conseguenze di natura penale (e di questo, penso, se ne debbano rallegrare tutti) ma ha certamente fatto si che l’Amministrazione si dotasse di strumenti adeguati a garantire la destinazione d’uso dell’area (servizi per l’università) evitando che tale vincolo non potesse essere fatto rispettare.

Giovannetti  «un’inchiesta che non ha portato a conseguenze di natura penale»? L’inchiesta è tuttora in corso, ci sono dieci indagati che tali restano e ormai prossimi alcuni rinvii a giudizio. Come ho scritto, la Cassazione non era chiamata ad esprimersi sulla lottizzazione abusiva (acclarata) bensì sul valore della comunale convenzione-sanatoria postuma, da intendere o meno come “fatto nuovo” a garanzia che le unità immobiliari siano riservate a studenti e e simili e non ad altri, come invece progettavano lorsignori.

Ottini  Grazie per la precisazione, il mio inciso nasce dalla lettura dell’articolo riportante la notizia della sentenza di Cassazione secondo cui la procura sarebbe orientata ad archiviare anche le posizioni individuali degli indagati…

Giovannetti  Archiviazione forse ipotizzabile per i 72 che hanno acquistato (anche loro sono indagati); non per la bandana bassotti accusata fra l’altro della lottizzazione abusiva.

Filippi  Quando saranno assolti dovrai chiedere scusa!

Giovannetti  «Assolti»? Per il momento sono “solo” indagati, proprio come te, che sei indagato per associazione a delinquere. Li vedi già a giudizio? Vabbè ke porti sfiga…

Indi Ferente  Da quel che ho capito, casomai, quando sara’ finita questa vicenda, condanne o assoluzioni, gli studenti dovranno ringraziare chi ha portato alla luce il fatto visto che solo grazie a questi insanabili rompipalle hanno visto riconosciuti i loro diritti… fosse stato per gli amministratori comunali…

Giovannetti … o per l’amico degli amici…

Filippi  Caro Davide credo sua importante spiegare ai tanti Giovannetti di turno che per commettere un reato penale è necessario il dolo, la consapevolezza cioè di mettere in atto una azione che si sa vietata. Nel caso specifico dopo che la cassazione ha chiarito che con la seconda convenzione l’intervento è conforme al Prg, è certo che l’imprenditore ha inoltrato una domanda, gli sono stati richiesti impegni che il Comune aveva sempre ritenuto sufficienti ed ha ottenuto il permesso di costruire. Dalle successive contestazioni sulla necessità di garantire il rispetto degli impegni è emersa l’opportunità di stabilire ulteriori condizioni che la Cassazione ha considerato esaustive. Si può capire che dolo può avere un imprenditore che ha sempre seguito la linea data dal titolare del potere tenuto conto che la più grande delle contestazioni dell’Onnisciente GG era che gli appartamenti non potevano essere venduti che è una clamorosa cazzata. Così come è una clamorosa cazzata (non sua che la cavalca soltanto!) quella dei due imprenditori edili che firmano un contratto d’appalto privato per costruire un immobile assistito da un permesso di costruire rilasciato dal Comune e che vengono processati per lottizzazione abusiva! Siamo seri!

Giovannetti  Ettore, invecchi. Allora riprovo: «…che il comune aveva sempre ritenuto sufficienti ed ha ottenuto il permesso di costruire». Sufficienti per chi o su pressione di chi? Effettivamente taluni indagati comunali – a Punta Est così come a Green Campus – hanno ritenuto sufficiente ciò che in realtà non lo era (certificazioni… permessi a costruire… Atti preliminari d’obbligo…): come mai? Conosci il dirigente comunale Angelo Moro, assunto con concorso “ad personam”? Ha firmato certificazioni fasulle e concessioni edilizie che gli stessi uffici comunali hanno riconosciuto improponibili.

Mauro Cavicchini  A dire il vero, la lottizzazione abusiva è un illecito amministrativo sanzionabile ai sensi dell’art. 30 del Testo unico edilizia e un reato penale punibile ai sensi dell’art.44 comma 1 lettera c) del medesimo Testo unico)

Filippi  Al di la di queste discussioni credo sua il caso di dire che se lo scontro avviene sul piano politico ogni idea è sostenibile. Quando si passa sul piano penale le opinioni contano ma sono le decisioni definitive dei giudici di merito che stabiliscono la verità giudiziaria. Finora l’unico dato certo su green campus è che la teoria di Gg Veltri e Maurici secondo la quale gli appartamenti non erano vendibili e che l’unica fia di edilizia universitaria fosse quella dei collegi secondo la cassazione era una cazzata!

Giovannetti «Gg Veltri e Maurici» hanno sostenuto che quelle residenze erano universitarie e dunque per studenti, prof., ecc. (come sta scritto nelle Nta del Prg, nell’Atto Unilaterale d’obbligo e ora nella postuma convenzione-sanatoria), mentre la bandana Bassotti le aveva poste in vendita a tutti e liberamente sul libero mercato. Viva la libertà!

Mauro Vanetti  Eh certo perché a Pavia costruttori e politici sono due mondi lontani che non si parlano finché non viene presentato l’apposito modulo all’ufficio preposto… Ma per favore, va bene tutto ma non trattarci come se fossimo nati ieri sera sul tardi.

Giovannetti  A proposito di operatori che presentano domande, in una intercettazione il costruttore Dario Maestri (la Cortazza, Punta Est, Centro benessere di Cascina Scova…) ha definito Ettore Filippi «la sua testa di sfondamento», quello «capace di far aprire le porte».

Guiz Zazzo  Infatti, anche se è un discorso fatto e rifatto, continuo a far fatica a capire come mai Ettore Filippi abbia un ruolo così centrale in tutte queste faccende, si interessi così tanto, intervenga così tanto, sia presente nelle indagini, nei discorsi di altre persone coinvolte e così via. L’edilizia è una passione?

Filippi  Finché è nei limiti del legittimo non credo sia un fatto negativo e la illegittimità la stabilisce il giudice ( e non tu o la procura!). 
Io difendo le cose in cui credo e quelli che ritengo giuste e dinanzi ad attacchi cui sottoponete ogni iniziativa che prende l’amministrazione io la difendo perché non ho nulla da temere ed ho il coraggio di farlo anche se mi costa l’inimicizia di chi con un tratto di penna può distruggerti (per un po’ perché la verità viene sempre a galla!)

Giovannetti  «Finché è nei limiti del legittimo»? Ueh, testadisfondamento Maestri è quello finito dentro per la lottizzazione abusiva di Punta Est, tuttora sotto sequestro, accusato anche della corruzione di Angelo Bugatti.

Filippi Parlo di sentenze e sarà colpevole solo se lo deciderà un giudice! Ma certo per te queste sono formalità! Vediamo come finisce per Punta Est.

Zazzo  Filippi non ho espresso un giudizio, ho espresso perplessità e curiosità, perché davvero non capisco come Lei in particolare sia sempre in mezzo a queste cose, per dirla semplice. Difende l’amministrazione? Ma perché allora c’è Lei e non un Faldini? O non so, perché Maestri o chi per lui parlava di Lei e non di un Irianni, o di un Fraschini, o di altri della maggioranza? Insomma, ad esempio, nei discorsi slot o nei discorsi sulla viabilità ciclo pedonale, sull’Arsenale o che la vedo poco partecipe, mentre quando si tratta di queste cose è presente. Ripeto la perplessità: perché un esponente di un piccolo partito, che non ricopre peraltro alcuna carica in giunta se non sbaglio, ma dovrebbe occuparsi del S. Matteo, è così coinvolto in questo tipo di vicende?!

Giovannetti  Guarda che ho citato una intercettazione del tuo amico Maestri. Per capire chi ti ha sponsorizzato, e per fare cosa, basta e avanza. Se poi verrai assolto e il tuo amico anche, meglio per voi. Arance risparmiate.

Filippi  Zazzo, io non sono coinvolto in nulla che non riguardi Maestri di cui sono amico e non mi vergogno di esserlo! Per il resto difendo le situazioni che credo giuste come voi difendete i vostri punti di vista. Non mi sono mai posto il problema se voi vi interessate con tanto impegno a queste vicende se non per puro interesse politico. L’interesse alle vicende della città mi pare un dovere per chi si ritiene un soggetto politico!

Giovannetti – ? – «io non sono coinvolto in nulla che non riguardi Maestri» ovvero hai avuto parte in tutto ciò che riguarda Maestri? (permesso farlocco a costruire… corruzione… lottizzazione abusiva… ecc…)

Zazzo  Il fatto è che io non difendo nessuno, mi sembra solo poco comprensibile il suo occuparsi di certe cose. Lo dico da profano, da “uomo qualunque”, non le sto dando del criminale o cose del genere. Anche quello che dice ora, se ne occupa per difendere un “amico” ?! Mi scusi ma non è mica una lite in piazza, si tratta di vicende giudiziarie che riguardano tutti, io mi aspetto che un soggetto politico difenda in primis il pubblico interesse e sia dalla parte della legge, non che difenda la causa di un amico, questo mi pare proprio uno dei peggiori vizi italiani, evidentemente per rappresentati anche a Pavia. Ma capisco anche che per chi ci sta in mezzo da decenni è quasi difficile rendersene conto.

Filippi In realtà solo dopo che sono nati i problemi e l’ho fatto perché convinto che non ci sia niente di illegittimo. Ma convinto che sia regolare se me lo avesse chiesto avrei seguito anche quella fase , perché non credo che seguire pratiche regolare sia un fatto da condannare. Zazzo (e chiudo) un investimento immobiliare legittimo è interesse pubblico perché rende alla amministrazione nell’immediato oneri ed urbanizzazioni primarie e secondarie ed in seguito i tributi comunali sugli immobili. Non mi pare difficile!

Giovannetti  Magnifico. Allora non resta che stabilire cosa è «legittimo»: per testadi… a Punta Est è tutto «legittimo». E come dubitarne: è stato lui stesso ad aprire quelle «porte».

Ottini  La verità è che nella vicenda Green Campus il solo atto unilaterale d’obbligo non era sufficiente per opporre a terzi in causa il vincolo di destinazione d’uso (alloggi per studenti-docenti-dipendenti Università). Quindi fino al momento della stipula della convenzione il permesso a costruire era fortemente sospettato di essere un atto illegittimo perché incapace di impedire la vendita a soggetti terzi non studenti-docenti-dipendenti Università. E comunque sia la Convenzione ex post (praticamente una sanatoria) a me lascia ugualmente dei dubbi specialmente laddove affida a Green Campus l’onere di vigilanza sul rispetto del vincolo di destinazione d’uso (su tutti i 300 e rotti appartamenti) nonché la responsabilità oggettiva nel caso in cui tale vincolo venga violato. In che modo però Green Campus possa verificare il rispetto dei requisiti richiesti nell’atto d’obbligo resta un mistero….

Filippi  Davide, il vincolo riguarda chi abita non chi compra. Se riguardasse chi compra che succederebbe quando lo studente si laurea o il prof si pensiona?

Giovannetti  E chi controlla se chi compra poi lo abita, pur non essendo né studente né altro? E chi può impedire al legittimo proprietario di beneficiarne?

Filippi  Puoi dire quello che vuoi ma la vendita condizionata all’uso stabilito dalla convenzione e’ stata considerata legittima dalla Cassazione.

Giovannetti  Ueh, mister «testa di sfondamento», quello «capace di far aprire le porte» ha aperto anche le porte della Cassazione entrando in possesso – lui solo – delle motivazioni. Fenomeno!

Filippi  Non interessa la motivazione ma la restituzione a chi fa acquistato così che è dimostrato che la tua teoria sulla impossibilità di vendere era una delle tante cazzate che dei solito sparare.

Giovannetti  Ma chi te li scrive i testi? Pietro Pilello da Palmi? L’amico sodale dei mafiosi ti è ancora fedele? Quando avrete vinto le elezioni tu e Al Cattaneo lo riproporrete a revisore dei conti di Asm, come già in passato? Ciau nanu.

Filippi  Io sarò nanu ma l ‘unica cosa certa è che quando ti prendono in fallo non rispondi ed insulti. Io sarò tutto quello che vuoi ma per questa città esisto ed esisto per migliaia di persone che di me si fidano. Tu non esisti per questa città ed è una cosa che non sopporti. Per la sinistra sei stato un disastro e lo si vedrà il 26 maggio. Vai avanti così che ci viene da ridere!

Giovannetti  tivadikulo che te la giochi a Pavia. In qualunque altro posto al mondo staresti a far compagnia a compare Pino e non a tagliar caciotte ai mezzebarbe. Baciolemani.

Zazzo  Mi permetto di dire a Ettore Filippi, senza voler offendere, che per me, pavese, è più importante e conta di più Giovannetti che lei, poco importano eventuali risultati elettorali. Berlusconi prende Tuttora milioni e milioni di voti personalmente pur essendo un pregiudicato che va con minorenni, che significa? Il fatto è che vedo nell’inchiesta e nell’attività di Giovannetti qualcosa di utile per tutti, quello che fa lei (a parte che, lo dico per la terza volta, non l’ho ancora capito) non sembrerebbe altrettanto.

Filippi  Anche a te Giovanni ti va bene che te la giochi a Pavia! Non so cos’altro mi dovrebbero fare oltre ad avermi intercettato, ascoltato, pedinato per due anni senza trovare un cazzo! Ti devi mettere in testa che io non ho mai violato la legge! Mi dispiace per te che prima o poi qualcuno si dovrà chiedere perché stai facendo prendere tante sberle all’accusa!

Giovannetti  Guarda, io il 31 maggio tiro giù la cler e da quel giorno proverò a dimenticarmi che in una certa fase della mia vita ho persino vissuto in una città del nord governata dagli amici degli amici anche dopo o nonostante una retata antindrangheta; e che di quel governo cittadino era partecipe un tale, amico delle maghe Ester e dei mafiosi, già assessore al suo Bilancio e a quello di alcuni amici costruttori. Davvero penso d’avere di meglio da fare nella vita.

Filippi  Sei veramente miserevole. Ricordi la favola della volpe che non arriva all’uva e dice che è acerba. La verità è che hai perso perché non vali nulla! Buon viaggio ! Vai a fare danni da qualche altra parte. Magari fino a quando non ti conoscono ti danno retta!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: