Good Night Pv

by

da Pavia, Enrico Sacchi *

Negli ultimi quarant’anni, il centro storico della nostra città è stato oggetto di una intensa attività edilizia, che, grazie a una normativa chiara, rigorosa e di semplice applicazione, ha permesso il recupero degli edifici rispettando le loro caratteristiche formali e tipologiche e, a parte il triste episodio del Borromeo femminile, salvaguardando le aree libere. Il nuovo Pgt, recentemente entrato in vigore, disconosce tutto questo e introduce una serie di norme così permissive e discrezionali nella loro applicazione da riportare la città storica alla vulnerabilità degli anni Cinquanta-Sessanta e da prefigurare quindi, nel volgere di pochi anni, la sua distruzione. Se cinquanta anni fa, essendo in atto un processo di elaborazione culturale e quindi un serrato confronto di idee diverse, potevano essere comprensibili posizioni di insofferenza per le istanze di tutela e resistenze ad accettare normative di protezione dell’intera città storica, oggi queste posizioni sono incomprensibili. Diventa quindi ovvio chiederci quali siano i motivi che hanno portato l’amministrazione a simile scelta. Se gli amministratori intendevano adeguare le norme alle istanze liberiste della parte politica di appartenenza, hanno conseguito un risultato opposto. Invece di poche regole, essenziali e immediatamente interpretabili, hanno prodotto un testo pletorico e talmente indeterminato da rendere del tutto arbitraria, discrezionale e quindi contestabile la sua applicazione. Tutti sappiamo che, ove manca la certezza del diritto, gli atti amministrativi assumono tempi indefiniti e scivolano su una china poco commendevole. Emerge quindi, e resta come unico dato caratterizzante il Pgt, la forte regressione culturale o meglio l’ignoranza, intesa come non conoscenza, dell’intenso processo che ha elaborato la salvaguardia dei centri storici. Il motivo di queste scelte amministrative è, a mio parere, molto più concreto e triste: deriva dalle spinte e dalle richieste del mondo imprenditoriale ed economico-speculativo (sostenute anche, purtroppo, dagli organismi professionali) che deve trovare velocemente uno sbocco per le proprie iniziative. Edificare su aree agricole appare non più vantaggioso, considerata la quantità di cantieri fermi e di appartamenti invenduti; inoltre, per una amministrazione comunale è diventata una scelta politicamente scorretta permettere nuovo consumo di suolo agricolo, essendo la popolazione ormai diventata molto sensibile a questo tema. Sono certamente disponibili le aree dimesse. Ma il sacrosanto obbligo di bonifica, prima ignorato e poi considerato una incombenza puramente formale, è entrato nella linea di attenzione dell’opinione pubblica e della magistratura, diventando un onere effettivo e molto costoso. L’edificazione su queste aree ha assunto quindi aspetti economicamente poco stimolanti e, richiedendo comunque un notevole impegno di capitale, potrà avvenire forse (e solo nel lungo periodo) ad opera di grossi gruppi finanziari. Ecco quindi che il centro storico e soprattutto le aree libere al suo interno ritornano a essere il luogo dove, risolto il problema dei vincoli, è possibile esercitare l’attività edilizia immediatamente e nel modo più vantaggioso. Al primo tentativo in questa direzione, poi fermato da un esposto alla magistratura, abbiamo assistito un anno fa, vigente il vecchio Prg. Si voleva costruire sull’area a fianco dell’ex monastero delle Clarisse, futura sede della Biblioteca Bonetta. Questo progetto tornerà presto di attualità, benedetto dalle norme del nuovo Pgt, e verrà seguito da molti altri. Good night and good luck, Pavia.

* architetto

Annunci

Tag: ,

Una Risposta to “Good Night Pv”

  1. Lamberto Garzia Says:

    Good deep night and good luck, Pavia…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: