Pgt presto in Procura

by

L’associazione ambientalista Italia Nostra ricorre al Presidente della Repubblica (e presto anche alla Procura) per la cancellazione del Pgt pavese, ritenuto illecito. Ne hanno parlato in una conferenza stampa Paolo Ferloni, Giovanni Giovannetti, Achille Mortoni assieme agli avvocati Franco Maurici e Sabrina Tavazza, estensori del ricorso.

Da indebito a illegale il passo è breve. Sono troppe le violazioni a norme, leggi e regolamenti contenute nel Piano pavese di governo del territorio, da qualche mese operativo. Tante anche le simmetrie della pubblica amministrazione con gli interessi dei soliti noti e – speculari – le distonie con uno sguardo attento ai beni comuni e al pubblico interesse. O almeno così la vedono in Italia Nostra, l’associazione ambientalista che, di concerto con Pavia Monumentale e il movimento civico di Insieme per Pavia, nei giorni scorsi ha inoltrato un Ricorso straordinario al Capo dello Stato, mentre ora preannuncia – lo ha riferito Paolo Ferloni – un ben più duro esposto su questo Pgt alla Procura nonché, per conoscenza, alla Direzione distrettuale antimafia.
Antimafia? Come ha detto l’avvocato Franco Maurici, «sembra quasi che gli intendimenti di Carlo Chiriaco – l’ex direttore sanitario dell’Asl pavese, condannato in primo grado a 13 anni di reclusione per concorso esterno in associazione mafiosa – abbiano infine avuto udienza in questo Pgt». Chiaro il riferimento ad una intercettazione, agli atti dell’indagine Infinito, in cui Chiriaco progettava una cittadella tra l’idroscalo e il gasometro di piazza Europa, pensando di finanziare con fondi europei l’operazione immobiliare in una zona lungo il fiume Ticino che, secondo l’illustre avvocato penalista pavese, è a forte rischio di esondazione.
E non di meno lo è l’area tra il fiume e l’Arsenale militare, lì dove, in un ex maneggio, il Pgt autorizza ristrutturazioni e ampliamenti delle vecchie stalle, destinandole ad «attività d’intrattenimento e svago, a commercio al dettaglio per esercizi di vicinato, a pubblico esercizio con somministrazione di alimenti e bevande, a residenza del custode o del titolare dell’attività».
Dalle aree fluviali al centro storico, Maurici ha ricordato la vittoriosa battaglia per impedire l’edificazione di alcune palazzine nell’ortaglia delle Clarisse, in centro storico: grazie ad alcune norme contenute nel Pgt «ora il costruttore Napolitano e il progettista Calvi potranno tornare a colare cemento proprio lì dove si vorrebbe trasferire la Civica biblioteca Bonetta». E dire che una norma regionale lo vieterebbe, come si legge alle pagine 12 e 13 del Ricorso, norma che – recependo la legge nazionale e l’art. 9 della Costituzione – considera tutto l’insieme parte integrante del patrimonio culturale.
Aree fluviali, Centro storico, verde di quartiere. Persino nei parchi, avverte Maurici, «è consentita la lottizzazione e la costruzione di nuove inutili case». Inutili poiché a Pavia «ben 5.000 sono sfitte». Insomma, staremmo assistendo a un ben articolato «piano di distruzione».
Come uscirne? Secondo l’avvocato Sabrina Tavazza (che assieme a Maurici e ad alcuni architetti ha lavorato al Ricorso) non va dato spazio a chi privilegia l’interesse privato se in danno di quello pubblico: «Occorre dotarsi degli strumenti necessari ad avversare il malaffare in tutte le sue forme».
Il consigliere comunale Walter Veltri ha ricordato il consiglio comunale del 15 luglio 2013 nel corso del quale, in solitudine, provò ad avvertire sindaco, assessori e consiglieri che, per via delle modifiche sostanziali seguite all’adozione, correva obbligo ripubblicare il Pgt.
Intervenendo in qualità di membro di Italia nostra cittadina, Giovanni Giovannetti ha voluto ricordare le numerose inchieste sulla criminalità urbanistica avviate dalla locale procura: «è di questi giorni l’arresto per corruzione dell’ex vicesindaco Ettore Filippi, per aver favorito imprenditori amici. Ma davvero vogliamo credere che la rete di intrallazzi veda un unico responsabile?» No non ci crediamo.

Marco Vigo (dal settimanale “Il Lunedì”)

Annunci

Tag:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: