Le lotte e le proposte

by

«Case popolari alla Neca e posteggio ai pendolari»
Marianna Bruschi intervista Walter Veltri *

Walter Veltri, 69 anni, consigliere comunale uscente, è il candidato della lista Insieme per Pavia. «Una candidatura naturale la mia – sottolinea – Abbiamo fatto battaglie per la tutela dell’ambiente e del territorio in Consiglio e denunce alla magistratura. Abbiamo avuto anche intimidazioni per questo». Veltri ricorda la sua auto bruciata nel 2012, le croci nere sulla porta dello studio dell’avvocato Maurici, e l’incendio nel deposito di libri di Giovanni Giovannetti.

Veltri, proprio l’urbanistica e la critica al Pgt Cattaneo sono elementi forti del vostro programma, cosa c’è da cambiare secondo voi?

Il Pgt è stato approvato dalla giunta Cattaneo dopo 15 anni del vecchio Prg Albergati che ha previsto la cementificazione delle aree verdi. In questi anni si è costruito tanto, si è passati da 37mila unità immobiliari a 49mila. Il Pgt di Cattaneo ha continuato nella cementificazione, e prevede interventi che cambieranno il volto del centro storico, non possiamo permetterlo.

In città ci sono numerose aree dismesse. Quali sono i vostri progetti?

Serve un progetto complessivo per le aree dismesse. Una di queste è la Neca. Ci deve essere un polo congressuale, lì dobbiamo mettere l’autostazione delle corriere, un parcheggio per 5mila auto e biciclette per i pendolari e la ciclo-officina. Ma pensiamo anche che il 30% dell’area deve andare per edilizia residenziale pubblica.

Un progetto che risponderebbe almeno in parte all’emergenza casa. Nel vostro programma si parla di moratoria per gli sfratti non colpevoli.

L’emergenza abitativa è drammatica, nel 2013 ci sono stati 500 sfratti. Avevamo già presentato un ordine del giorno in Consiglio per chiedere una moratoria temporanea degli sfratti incolpevoli, ma è stato bocciato dalla maggioranza. E per aiutare le famiglie bisognose pensiamo di destinare l’1% del bilancio comunale, circa 800mila.

Il tema degli sfratti si collega a quello del lavoro. Un sindaco e un Comune cosa possono fare?

Non si hanno competenze dirette, ma si può fare molto. Pavia ha circa 12mila pendolari, la città perde tutte le professionalità dei laureati che trovano lavoro altrove. Bisogna trattenerli. Si deve per esempio ampliare il Polo tecnologico. Il Comune deve essere cabina di regia per tutte le altre istituzioni. E poi c’è il turismo, bisogna pensare a percorsi culturali. Ma in città ci deve essere decoro e pulizia perché possa attirare, invece Pavia è sporca.

La pulizia delle strade è legata alla raccolta differenziata. Giusto estendere il porta a porta a tutta la città?

Doveva essere fatto da anni, invece siamo impantanati nel centro storico e nel Borgo. Non raggiungiamo il 60% di differenziata e questo è un fallimento delle giunte precedenti. E la differenziata è l’unico modo per far pagare meno la tassa dei rifiuti alle famiglie.

Quali sono le voci del bilancio su cui spostereste più risorse e quali tagliereste?

Bisogna azzerare i costi della politica. Se sarò eletto avremo al massimo 6-7 assessori. E bisogna chiedere contributi europei, i soldi ci sono. Noi siamo per il bilancio partecipato e siamo per destinare risorse ai quartieri – che vanno ripristinati – potranno decidere loro come usarli.

Scuole: cosa immaginate di fare per edilizia e servizi?

È necessaria la manutenzione ordinaria, significa anche far lavorare gli artigiani locali. E i servizi devono essere gestiti dal Comune, ora abbiamo liste d’attesa, ci sono decine di asili privati.

Quali viabilità immaginate per Pavia?

Pavia è la città più inquinata di Italia dopo Padova. Serve il coraggio di intervenire: il piano della mobilità è del 1996, la situazione è cambiata. L’obiettivo deve essere dissuadere dall’uso delle auto. Ora attraversare alcune strade del centro è troppo pericoloso. Il mezzo pubblico deve essere conveniente e proponiamo un centro distribuzione merci, a ridosso del centro, non al Bivio Vela.

* “La Provincia Pavese”, 13 maggio 2014

Annunci

Tag: ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: