Sante parole

by

Alessandro Repossi intervista mons. Gianfranco Poma

«Se davvero vogliamo bene alla nostra città dobbiamo aiutarla a rinascere partendo, prima di tutto, dal rispetto della legalità. Solo ritrovandoci attorno a un valore condiviso come l’onestà, si può pensare di realizzare davvero qualcosa di concreto e utile per la nostra comunità; se manca questo elemento tutto rischia di sgretolarsi come se fosse stato costruito sulla sabbia». Mons. Gianfranco Poma spiega in un’intervista a “Il Ticino” e a Radio Ticino Pavia (Fm 91.8-100.5) le ragioni che l’hanno spinto a firmare l’appello a sostegno del movimento “Insieme per Pavia”: una scelta condivisa anche da Mino Milani, Lanfranco Bolis e Giulio Guderzo. «Mi è sembrato giusto – sottolinea mons. Poma – condividere la passione di persone di valore, che si sono distinte per la loro cultura, la loro competenza e per il loro profondo amore per Pavia. La nostra città vive, da troppo tempo, una situazione pesante. Per affrontarla serve un’accettazione seria dei problemi che stiamo vivendo e una piena assunzione di responsabilità». In un recente editoriale scritto per “Il Ticino”, commentando l’ormai vicino appuntamento con le urne, mons. Poma ha invitato Pavia a svegliarsi dal torpore che troppo spesso la frena. «È una caratteristica della nostra città, che nel corso dei secoli ha dovuto sopportare lotte, invasioni, ricostruzioni, continui cambiamenti.Il risultato è che i pavesi per “sopravvivere” si sono adattati a ogni tipo di situazione. Ecco, il vero problema di Pavia è che si adatta un po’ troppo e non riesce a sviluppare le sue potenzialità che pure sarebbero enormi. Saremo anche una piccola città, ma grazie alla presenza dell’Università e di ospedali di eccellenza ospitiamo persone che arrivano da tutto il mondo. Pavia deve oggi riscoprire se stessa e le proprie vocazioni, per liberare energie fresche e iniziare un nuovo cammino». Mons. Poma infine rivolge un appello a tutti i pavesi affinché il prossimo 25 maggio non disertino l’appuntamento con le urne: «Sarebbe un grave errore astenersi dal voto. Oggi, più che mai, bisogna credere nella democrazia attraverso la partecipazione».

Annunci

Tag: , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: