La gran balla dei reati in aumento

by

A Pavia aumentano i reati? Sì, quelli commessi da pubblici amministratori poiché «su questo argomento c’è una maggiore sensibilità da parte dei cittadini e un’attenzione più alta da parte delle forze dell’ordine». Lo ha riferito il procuratore capo Gustavo Cioppa dal quotidiano locale, ricordando che «i reati contro la pubblica amministrazione hanno effetti devastanti sulla collettività. Pensiamo solo ai danni che fa la corruzione».
Quanto ai furti, nel 2014 in provincia di Pavia se ne sono registrati 15.313: 1.323 in meno (quasi il 10 per cento) rispetto all’anno prima, e i responsabili individuati sono saliti al 7 per cento, contro una media nazionale del 3-4 per cento, commenta soddisfatto il comandante provinciale dell’Arma colonnello Ernesto Di Gregorio: «ma al di là delle statistiche – sottolinea Di Gregorio – quello che interessa è la qualità delle indagini che abbiamo svolto. Mi riferisco all’inchiesta sull’Università e a quelle sulla Pubblica amministrazione. Abbiamo raggiunto ottimi risultati e altre indagini importanti sono in corso». Asm? Presto sapremo. (G. G.)

Annunci

Una Risposta to “La gran balla dei reati in aumento”

  1. roger.max@virgilio.it Says:

    Gentile Giovannetti,

    a dire il vero, almeno dal mio punto di osservazione, il problema di fondo verte sul fatto che, la Pubblica Amministrazione, specie se in determinati contesti regionali (Capannori non voglio certo escludere possa rappresentare un’isola totalmente felice ed incontaminata, pur se vado ancora nutrendone quantomeno qualche dubbio) e all’interno dei più specifici settori facenti parte del tessuto istituzionale italiota (preferibilmente da intendersi nel significato 1), è letteralmente infarcita di personaggi che riescono ad imporsi unicamente alla stregua di Carlo Antonio Chiriaco (e dei suoi tanti conviventi-conniventi; vedi il caso del fasanese di Sedriano//MI e di ben altre entità, seppure di origini lombarde), e – ma, ancora una volta, soltanto a parer mio – ben più di quanto, all’opinione pubblica (perlomeno sino al momento in cui ciascuno non avrà a farne le spese sulla propria pelle; speriamo non abbia mai ad esserlo), non sia data l’opportunità di averlo, pur lontanamente, ad immaginare.

    Purtroppo, la mia persona, può ben dirlo; atti, misfatti e crimini – davvero della peggior sorta (ai confini dell’inenarrabile e dell’umanamente impensabile, sino a dover raggiungere finanche i più estremi limiti del paradossale e del mostruoso; piuttosto scelgo il Burundi! – provatamente alla mano.

    Roger Mazzoncini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: