Quer pasticciaccio brutto de via Donegani

by

da Pavia, Giovanni Giovannetti

E ora ecco spuntare assegni postali Asm per un milione e seicentomila euro (!) sopra un conto fintamente intestato al Comune di Pavia, a storno di note di credito (non bonifici, assegni). Soldi della collettività, transitati tra il 2011 e il 2014 da una banca nel piacentino e incassati da presunti ignoti. Soldi rubati all’azienda. Parte degli assegni recano la firma congiunta del direttore generale Claudio Tedesi e dell’ex presidente Giampaolo Chirichelli. Ovviamente a loro insaputa…
Ci si domandava su cosa vertessero i ricatti incrociati tra bande, per anni a piluccare nella pubblica greppia Asm. Una vede alla ribalta la famiglia Filippi (Luca, ex presidente di Asm Lavori e membro del Cda di Asm, è a giudizio per peculato e corruzione); altre, chissà, potrebbero portare a sospettabili (comunali? regionali?) di rispetto, entro quel clima di impunità, arroganza e meschinità che, fra l’altro, autorizzava l’ex presidente Giampaolo Chirichelli (Lega Nord) a dire al sindaco burattino Cattaneo «in Consiglio comunale noi controlliamo cinque consiglieri e ti mando a casa quando voglio». Parole durissime, del presunto controllato al patetico controllore, poiché di Asm il Comune di Pavia “controlla” il 95,7 per cento. E il Pupo «disponibile ad essere guidato» (Abelli) si è allora silenziosamente inchinato al puparo di turno.
Da quel momento silenzio su tutto: silenzio sull’assunzione a tempo indeterminato del direttore generale Claudio Tedesi, indagato e poi incarcerato (era anche in palese conflitto d’interesse). Silenzio sulle illecite reiterate diarie a forfait allo stesso Tedesi, a Luca Filippi e a Chirichelli. Silenzio sugli altrettanto illeciti “premi” per decine di migliaia di euro riconosciuti dal Cda Asm al gran completo (di cui Luca Filippi è consigliere) ai componenti il Cda della controllata Asm lavori o favori, di cui Filippi Luca è presidente (a fronte di un risicato utile netto di esercizio 2012 di 3.750,38 euro): «euro 30.000 per il presidente Filippi e 10.000 per ogni amministratore», 13 volte l’attivo di bilancio (e nel bilancio 2013 si è rilevato un “buco” intorno ai 500mila euro!). A quanto pare, persino alcune delibere comunali sarebbero state scritte con la penna di Chirichelli.
La fonte? L’ex assessore con delega Asm Cristina Niutta, martedì 13 maggio 2014.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: