Lady dentiera e il suo doberman

by

di Giovanni Giovannetti

Ma guarda… la signora Maria Paola Canergati meglio nota come «lady dentiera», la nostra signora delle tangenti ponta a ungere politici di destra come di sinistra in cambio di appalti sulle cure odontoiatriche, lei che in una intercettazione si era detta assai interessata al «territorio di Pavia». Ebbene, questa signora era in rapporti un tempo intimi e in seguito d’affari con PietroGino Pezzano detto «doberman», indagato negli anni Ottanta per narcotraffico, l’ex direttore generale dell’Asl Milano1 (la più grande d’Italia; in precedenza aveva ricoperto lo stesso incarico presso l’Asl monzese di Milano3).
Pezzano si trovò coinvolto nell’inchiesta antimafia “Infinito”. E non per caso il capo della ’Ndrangheta lombarda Pino Neri era solito ricordarlo tra «i nostri collaboratori», riverendolo come «il pezzo grosso della Brianza», uno che «fa favori a tutti».
Il consigliere regionale lodigiano Giulio Cavalli (sotto scorta per minacce di mafia) chiese allora l’immediata revoca dell’incarico al chiacchierato neo-direttore generale. Solo coincidenze, ma lo stesso giorno il prefetto di Lodi Peg Strano tolse la scorta a Cavalli.
Come primo atto, dopo la nomina ai vertici della più importante Asl italiana, nel gennaio 2011 Pezzano indicò quale suo direttore sanitario Giovanni Materia, all’epoca indagato e poi a giudizio per un concorso truccato nel 2006 al Policlinico di Messina. Materia si dovette dimettere la sera stessa della nomina. Guarda caso, Giovanni Materia era anche il marito del prefetto di Lodi, la stessa che due giorni prima aveva revocato la scorta a Cavalli.
A proposito di sintonie. Pezzano poteva vantarne di una certa caratura: ad esempio, con il compianto onorevole Gian Carlo Abelli (sempre Neri in una intercettazione: «sono grandi amici con Abelli, glielo presentai io a Gino»).
Sintonie anche con gli amici d’infanzia nonché affiliati Giuseppe Sgrò e il vice capo della ’Ndrangheta desiana Pio Candeloro.
Sintonie con Candeloro Polimeni, altro componente della Locale di Desio, nipote e portavoce di Saverio Moscato, figura di primo piano della ’Ndrangheta lombarda (Pezzano a Polimeni: «Hai bisogno di me?»; Polimeni: «Si, quando vuole»; Pezzano «Dove vengo?»).
Sintonie con Eduardo Sgrò, altro componente della Locale di Desio dedito all’estorsione, al quale Pezzano aveva affidato l’installazione di alcuni condizionatori nelle Asl di Cesano Maderno, Desio e Carate Brianza (Sgrò: «Dobbiamo chiamare il direttore generale, che è amico mio, così lo chiamiamo e fissiamo un appuntamento»).
Sintonie con l’ex governatore lombardo Roberto Formigoni, a quel tempo soddisfatto per aver potuto nominare «uomini» come Pezzano «in sintonia con la Regione».
Come dimenticare poi il ricovero negli ospedali lombardi del narcotrafficante calabrese Ciccio Pelle Pakistan (lo catturanrono alla Maugeri di Pavia il 18 settembre 2008; ricoverato sotto falso nome e con false cartelle cliniche), a partire dalla sua prima degenza a Sesto San Giovanni circa un anno dopo la fucilata che lo aveva reso paraplegico. All’epoca Sesto dipendeva ancora dalla monzese Asl Milano3, di cui era direttore generale… PietroGino Pezzano. Sia chiaro, pura coincidenza, poiché niente induce a ritenere che Pezzano abbia in qualche modo favorito il primo ricovero lombardo di Francesco Pelle. Guai a dirlo. E infatti non lo diciamo.

Annunci

Una Risposta to “Lady dentiera e il suo doberman”

  1. ramasandiransomosundaran Says:

    So che certo Claudio Larghi, da certi avvocati di Pavia intesosi considerare una “testa calda”, va parlando spesso di PietroGino Pezzano, del quale – per quanto mi risulta – potrebbe essere un parente piuttosto prossimo.
    Avrei necessità di contattare personalmente cotale Claudio Larghi.
    Se qualsivoglia collaboratore di questo blog, del medesimo Larghi, dovesse disporre di qualche riferimento telefonico e, al tempo stesso, debba ritenere che Larghi possa non avere nulla in contrario nel farmelo pervenire, gliene sarei molto grato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: