La grande buffata

by

Ex Fibronit di Broni. Bando alla gara
di Fabrizio Protti

Il 20 aprile scorso era uscito un piccolo articolo sulla “Provincia Pavese” relativo al bando di gara europeo – scadrà il 6 maggio – per il secondo lotto di bonifica della Fibronit di Broni.
Ritenete possibile che aziende di tutta Europa eventualmente interessate possano formulare progetto, preventivo e una offerta su parametri europei per un sito così complicato in meno di 15 giorni? Forse non tutti sanno che:

1) Proprio prima delle elezioni di giugno, in tempo utile, Luigino Maggi Presidente di Broni Stradella SpA, ha ufficializzato che la società ha liquidato i soci privati ed è diventata a capitale totalmente pubblico.

2) Questo ha permesso al sindaco di Broni Paroni (Partito democratico) di chiedere a Broni Stradella S.p.A di assumere la gestione e l’emissione della Gara europea, giustificando l’incarico come necessario vista la carenza di personale tecnico del Comune.

3) Quindi si è contrattualizzato tra Comune di Broni e Broni Stradella S.p.A il servizio, omettendo la procedura di assegnazione per bando, vista la totalità della partecipazione pubblica della municipalizzata.

4) La messa in sicurezza finanziata dallo Stato negli anni scorsi è stata coordinata da Broni Stradella S.p.A, progettata da Claudio Tedesi e subappaltata a Sadi servizi industriali di Giuseppe Grossi e questa operazione è stata attenzionata dallo Stato.

5) La sopraintendenza al progetto del Lotto 2 che vale 30 milioni di euro non poteva essere affidata a Broni Stradella S.p.A come in passato perché, cambiata la legge , l’assegnazione diretta poteva avvenire solo a aziende controllate al 100 per cento dal pubblico, se no si sarebbe andati a gara e il progetto non poteva essere affidato a Tedesi per evidenti incompetenze, tra cui il coinvolgimento di quest’ultimo in alcune recenti vicende giudiziarie.

6) Broni-Stradella S.p.A. diventando totalmente pubblica il 4 marzo di quest’anno, di diritto ha potuto siglare accordo con Paroni e prendere la gestione. Il progetto è stato commissionato ad altro professionista già incaricato dalla stessa Broni Stradella S.p.A, di terminare la messa in sicurezza dopo l’estromissione di Tedesi.

7) Il professionista firmatario del progetto incaricato dalla Broni Stradella S.p.A. dopo l’estromissione per motivi di incompatibilità di Tedesi, risulterebbe essere direttore tecnico di una società che si chiama ST&A S.r.L. con sede a Milano in via Muratori (Proprio dove aveva sede lo Studio Tedesi) di cui l’amministratore delegato è tal Tedesi.

7) Probabile che la Sadi o società a lei collegate che in passato, oltre a Broni, hanno collaborato in maniera assidua con i soggetti coinvolti in questa cronaca, partecipi nei tempi al Bando europeo.

Chi vincerà? Ricordiamoci che a Broni ci sono le elezioni e che mentre tutto questo è già accaduto e contrattualizzato dagli stessi politici e sotto gli occhi di tutti gli altri politici, gli stessi ora contendenti rossi verdi e blu continuano a dire Fibronit prima di tutto ! …. State certi che sarà sicuramente cosi!
L’interesse della Fibronit prima di tutto, e lo sanno i politici di Broni che, vestite liste più o meno di nuovo, è vent’anni che, con casacche variopinte, osservano e partecipano alla vita quotidiana aspettando questi momenti di riscatto.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: