Un fratello fascista per Madre Teresa

by

Il 24 luglio 1944 Felice Fiorentini, il comandante della polizia speciale Sicherheits Abteilung, era al comando del rastrellamento nazifascista che aveva in progetto di eliminare le forze partigiane arroccate sulle colline e sui monti dell’Oltrepò e che avevano già occupato gran parte del territorio intorno a Varzi. Il colonnello, posto alla guida di centocinquanta allievi ufficiali di artiglieria, venti militi della Gnr e una trentina di uomini della Sicherheits Abteilung, si diresse verso il Brallo.

Sfavoriti dalla natura del luogo e dalle scarse capacità tattiche del comandante, i suoi uomini furono circondati dalle formazioni partigiane e bloccati nei pressi del Torrente Aronchio. Verso sera si ritirarono disordinatamente a Varzi, non prima dell’incendio di una casa e di un cascinale ritenuti, erroneamente, di proprietà di Angelo Gattoni, un partigiano del posto.

La colonna fascista lasciò sul posto diversi morti e cinque dei suoi militi furono catturati.

Tra questi vi era il maggiore albanese della Guardia Nazionale Repubblicana Bojaxhju Laska, fratello della futura Madre Teresa di Calcutta,  ed Elsa Cristofori, milanese, che dalla X° Mas passò alla Sicherheits con Mariuccia Battaini, segretaria di Fiorentini. Gli altri prigionieri furono processati e condannati alla prigionia, mentre la Cristofori, riconosciuta come responsabile di torture e fucilazioni di partigiani, venne fucilata nella piazza di Brallo, davanti alla popolazione. Don Ponti, il parroco del paese, ricorda così quel giorno:

«I tre prigionieri furono condotti al Brallo dove gli animi eccitati, sia dei partigiani che della popolazione presente, determinò la condanna a morte degli stessi. I cosiddetti ribelli non infierirono contro il maggiore albanese ed il suo milite, limitandosi, non so perché all’immediata uccisione di Elsa Cristofori sulla piazza di Brallo».

Successivamente il fratello della futura santa cattolica fu liberato a seguito di uno scambio di prigionieri.

(tratto da Sicherheits. I disperati del fascismo di Marco Bonacossa, edito da Effigie edizioni)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: