A ciascuno il suo

by

In risposta a Luigi Furini
di Giovanni Giovannetti

Secondo l’ex Consigliere comunale di maggioranza/opposizione Luigi Furini, negli ultimi dieci anni «Pavia non ha fatto passi avanti». Ah, Pavia non ha fatto passi avanti?
Nel maggio 2009 un candidato sindaco pavese venne sorpreso a Canossa, al desco del capo mandamento locale reduce da nove anni di galera per narcotraffico. Ora quel capo mandamento nuovamente pasteggia in galera, a scontare una ulteriore condanna a 18 anni di reclusione per associazione mafiosa (e già questo è un bel passo avanti); e a quel suo temporaneo compagno di merende mal gliene colse poiché, cinque anni dopo i pavesi, destra inclusa, si guarderanno bene dal confermarlo.
Il suddetto mafioso si era nel frattempo vocato alla politica locale e alle cointeressenze: infatti, al mafioso faceva capo una società immobiliare condivisa, guarda un po’, con un Consigliere comunale di centrodestra, lo stesso personaggio che nel 2009 verrà elevato dal vittorioso sindaco reduce da Canossa al rango di presidente della Commissione comunale Territorio. Dopo gli arresti dell’indagine Crimine-Infinito (finisce ai ceppi anche il nostro malavitoso) quel chiacchierato consigliere o presidente di centrodestra passerà in un amen dalle 502 preferenze ottenute nel 2009 alle 280 di cinque anni dopo (meno 222!) e non verrà rieletto.
Stessa sorte elettorale per l’ex assessore ai Lavori pubblici nonché socio in affari di un amico degli amici (colui che si faceva passare per la “mente politica” del sindaco votato a Canossa) quell’amico degli amici poi condannato a undici anni di reclusione per concorso esterno in associazione mafiosa.
Un altro bel passo avanti, caro Furini, lo si compie nel 2015, quando i vertici politici e contabili della compartecipata municipale sono sbullonati dalle loro cadreghe d’oro e consegnati brevimano alla giustizia. Il motivo? Hanno rubato all’incirca un milione e ottocento mila euro (ma il danno complessivo per la municipalità è calcolabile in più di 4 milioni di euro!).
Si scoprirà che presidente ed altri esponenti apicali della suddetta compartecipata avevano lucrato un po’ su tutto, persino sulle diarie (il presidente si auto-elargiva 2500 euro al mese in rimborsi, in aggiunta allo stipendio; agli altri cifre di poco inferiori): sorpresi con le dita nella marmellata, hanno dovuto restituire il maltolto.
Insomma, nel 2014 in cabina elettorale i pavesi hanno saputo tenere occhi ben aperti: se avessero confermato il sindaco canossiano, molto probabilmente i destrorsi trapananti della municipalizzata sarebbero ancora lì a rubare e non in galera, a meditare sulle loro malefatte.
C’è dell’altro. Negli ultimi cinque anni non abbiamo più avuto scandali urbanistici come lo scandalo di Punta Est, ma condanne: condannato a tre anni di reclusione un dirigente comunale infedele (abuso d’ufficio e truffa); condannato fra gli altri un ex vicesindaco riciclatosi lobbysta degli affaristi (quattro anni per corruzione). Di più: salutato il sindaco di Canossa e taluni amici degli amici, il nuovo Consiglio comunale non ha deliberato altre lottizzazioni abusive e altro inutile consumo di suolo, come invece si era visto fare nel recente passato: a triste esempio, nel 2010 centrodestra al governo e centrosinistra all’opposizione votarono congiuntamente – e scandalosamente – una lottizzazione abusiva lungo la Greenway dalle parti di Montemaino, in pieno Parco della Vernavola (assessore all’urbanistica era l’attuale candidato sindaco del centrodestra) là dove albergavano gli interessi di un ex consigliere comunale di… centrosinistra: delibere poi cancellate dal Tar.
Né si sono più visti documenti di Giunta che autorizzano l’edificazione di palazzine in delicate aree del centro storico (come le ortaglie delle Clarisse) o la destinazione a residenziale di estese aree nell’alveo del Ticino, ovvero in zone fluviali soggette ad allagamenti.
Gli esempi abbondano, lo spazio no. Allora mi fermo augurando al Furini fortune sportive migliori di quelle avute come pubblico amministratore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: