Ettore Filippi

by

di Giovanni Giovannetti

Caro Ettore, mi vedevi ossessivamente come il fumo negli occhi e per te, più che “un” nemico, a momenti sono stato “il” nemico. Tu, il capo della Mobile pavese capace di catturare Fenzi e Moretti. Tu, il vicesindaco di Pavia in quota Margherita amico dei lottizzatori abusivi. Tu che, migrato a centrodestra, ti sei accodato nel mendicare i voti degli amici costruttori (di slot machine) e del capo della ‘Ndrangheta lombarda Pino Neri. Tu e quel tuo modo di fare, così untuosamente cordiale e seducente. Hai anche instradato un compianto imprenditore edile (un amico più amico degli altri, quello della lottizzazione abusiva di Punta Est) nell’assoldare un investigatore privato per scavare nella mia vita privata (esilaranti, al riguardo, le intercettazioni). E quando una calda manina in una antivigilia di capodanno ha dato fuoco a casa mia, la prima telefonata solidale (“Oh, guarda che io nulla c’entro…”), curiosamente l’ho avuta proprio da te. A darti retta, chi denuncia le pubbliche malefatte è “un infame” (bell’aggettivo, da vero sbirro…) ma su una cosa hai avuto ragione: gli “infami” che in questi anni si son spesi nel denunciare le pubbliche malefatte hanno chi più chi meno subìto condanne e tribolazioni; quasi sempre assolti invece gli “amici”, e quei loro accomodanti referenti politici. Ma ora non è più affar tuo: da ieri hai smesso di librarti tra le crepe della tua vita terrena. Almeno ora, caro Ettore, riposa in pace.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: