Repubblica batte Monarchia 4 a 3

by

1968. Chi ricorda quella sera di un’estate italiana di 53 anni fa quando, a Napoli, in quell’altro Europeo vittorioso, la nazionale italiana al suo debutto batté l’Unione sovietica non ai supplementari, non ai rigori, ma dentro a una stanza chiusa dello spogliatoio del “San Paolo”, presenti solo l’arbitro e i due capitani, facendo a testa e croce. Giacinto Facchetti disse testa, quell’altro croce. vinse Facchetti (qui nella foto a pugno chiuso assieme a Mazzola, Bercellino e Valcareggi), ma corre voce che la monetina sia stata tirata due volte. Tiè, dasvidania tovarish, tornatevene a Mosca sporchi comunisti. Avevo 12 anni e il mio Sessantotto era il poster di quel trionfo chi lo sa se di cartapesta appeso in cameretta. Chi s’accontenta, gode. (G.G.)

campioni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: