Il male curabile

by

di Mattia Laconca

 

 

Dopo aver pestato alcuni ragazzi con mazze e tirapugni, dopo altri numerosi episodi di intimidazione e provocazione, dopo che la Pavia antifascista ne ha chiesto la chiusura della sede, questa sera – 5 novembre – Forza Nuova terrà una manifestazione in Borgoticino. Queste note le ha mandate Mattia Laconca, di Rifondazione comunista. Le postiamo insieme al comunicato dell’Osservatorio antifascista pavese.
                                                                                                                                     
Cittadine e cittadini, il partito della destra radicale Forza Nuova va sciolto nel più breve tempo possibile. Sono ben noti gli episodi di aggressioni e minacce perpetrati da loro esponenti, ormai non più soltanto su siti o fanzine indipendenti, ma anche sui più grandi quotidiani nazionali. Cavalcando un clima di crescente terrore seminato da alcune delle più alte cariche dello Stato (col pieno appoggio di forze che si definiscono liberali, riformatrici e democratiche) diversi esponenti di FN minacciano la pacifica convivenza civica quotidiana, con atti che arrivano in taluni casi alla violenza pesante e gratuita. Il partito di FN è stato fondato nel 1997 da Roberto Fiore e Massimo Morsello; Roberto Fiore fu uno dei fondatori di Terza Posizione e venne condannato dalla magistratura italiana per banda armata, associazione sovversiva, ma l’Inghilterra, dove era latitante dal 1980, non ha mai concesso l’estradizione.
Massimo Morsello fu ritenuto membro dei NAR e venne anch’egli condannato per i medesimi reati. Nell’anno di fondazione, i fondatori Fiore e Morsello erano ancora latitanti a Londra e sono potuti rientrare solo nel 1999, quando ormai la giustizia italiana non li poteva più perseguire perché i 66 mesi di carcere di Fiore erano stati prescritti, e i 98 di Morsello inapplicabili per motivi di salute (è morto infatti nel marzo 2001).
Se questo fosse davvero un partito fedele ai principi della Costituzione Italiana, non si parlerebbe di abrogazione della legge Mancino e non si perpetrerebbero azioni quali incendi, minacce di morte ed accoltellamenti, sui quali la Dirigenza Nazionale del partito tace, o quando si esprime non condanna la cultura violenta che sempre più sta prendendo piede.
Chiediamo dunque lo scioglimento del partito Forza Nuova, essendo alcuni suoi militanti diventati una mina vagante nella vita quotidiana di chiunque non sia riconosciuto secondo i canoni neofascisti che reggono l’ideologia fondante del movimento.
Tutte le cittadine ed i cittadini antifascisti, o che comunque condannano ideologie liberticide, violente, autoritarie e dittatoriali sostengano questa iniziativa promuovendola tramite la propria firma in calce a codesta petizione e diffondendola attraverso la società civile tutta, affinché sia messa (di nuovo, dopo mezzo secolo) la parola fine al culto della prevaricazione e della superiorità ideologica, etnica e razziale.

 

 

***

 

I neofascisti di Forza Nuova hanno cercato di organizzare per oggi, 5 novembre, una nuova marcetta nostalgica stile SS per le strade del Borgo: dopo essere stati protagonisti dell’agguato squadrista di due settimane fa a Pavia, dopo le innumerevoli aggressioni in tutta Italia (quelle al corteo studentesco di Roma e agli studi della Rai sono solo le ultime in ordine di tempo), questi ignobili picchiatori, che conoscono solo legge della violenza e dell’occupazione militare, hanno cercato di offendere nuovamente la nostra città.

Apprendiamo dal Questore di Pavia che il permesso inizialmente (e  scandalosamente) accordato al corteo fascista è stato revocato in  seguito alle nostre proteste. Ancora una volta la Pavia antifascista ha saputo vigilare e mobilitarsi affinché la lugubre sfilata venisse impedita e impegnandosi a vigilare perchè non si verifichino ulteriori provocazioni e perchè alla violenza fascista non sia concesso alcuno spazio. Pavia ha dato una risposta chiara e ferma con le grandi mobilitazioni delle settimane scorse: non tollereremo altre sedi o sfilate fasciste, né in borgo, né a Pavia, né altrove. (Osservatorio antifascista pavese)

 

http://www.firmiamo.it/propostascioglimentoforzanuova

Tag: , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: